Sharazon.it e Sharazon.shop. Cosa succede e cosa fare per uscirne

Con un recentissimo provvedimento d’urgenza l’Autorità Antitrust ha imposto la chiusura del sito sharazon.it della signora Carmela Venerone.
Come si dice dei Papi, morto un sito se ne fa un altro! Ed ecco spuntare il sito sharazon.shop, che questa volta, pur presentandosi come un sito italiano, in realtà è intestato a tal Share Distribution D.O.O, con sede in Umago (Croazia).
Manco a dirlo, il contenuto è lo stesso di sharazon.it.

Me vediamo di capire cosa sta succedendo e come uscire dal meccanismo perverso di questi siti. Continua a leggere

Teoria della coda lunga, una spiegazione al successo dell’e-commerce

La varietà delle aziende in Internet e il numero quasi illimitato di potenziali compratori permette di soddisfare qualsiasi richiesta d’acquisto, anche le meno comuni, quasi senza limiti alla varietà d’offerta al cliente.

Il successo di colossi come Amazon, Spotify e Ebay risiede proprio nella loro illimitata offerta, che genera profitto sia con la vendita di pochi prodotti molto richiesti, che con la vendita di molti prodotti poco richiesti.

Questa logica è alla base del modello economico denominato “coda lunga“, che smentisce l’idea che il successo di un’azienda derivi esclusivamente dalle vendite dei prodotti più richiesti.

Vediamo di che si tratta con qualche esempio. Continua a leggere

Sound Branding, ovvero l’influenza del suono sui consumatori

Cosa ci fa riconoscere immediatamente un’azienda o un prodotto? Il marchio, che già ottant’anni fa il codice civile definiva come uno dei segni distintivi delle attività commerciali.

Storicamente i marchi sono nati come semplici disegni o scritte, ma le tecniche del marketing sono sempre più evolute e ormai il marchio, anzi il “brand“, si presenta in molteplici forme e declinazioni, tanto che anche un suono può diventare un marchio.

Il marchio quindi può essere non solo un disegno (ad esempio la mela Apple), oppure delle cifre (il 46 di Valentino Rossi), o delle lettere (per es.D&G), o dei colori (la stampa Burbery), o un nome (si pensi allo stilista Valentino), ma anche un breve suono, di non più di 3-4 secondi.

Se non ci credete, pensate alla suoneria di un telefono: sareste capaci di distinguere quella di un Nokia da quella di un Apple? Continua a leggere

Truffe agli anziani: ecco come difendersi

Si sente spesso parlare di truffatori che sempre più spesso prendono di mira le persone anziane: possono presentarsi da soli o in coppia, sono eleganti, cordiali e rassicuranti, possono presentarsi in uniforme, mostrare un tesserino, spacciarsi per forze dell’ordine, per impiegati. Per difendere le persone anziane basta investire un po’ di tempo e allertarli dei rischi che corrono. Continua a leggere per saperne di più. Continua a leggere