Acquisti di beni e servizi: le assicurazioni non sono sempre obbligatorie

Embedded insurance “, terminologia forse poco conosciuta dai più, identifica in realtà un processo di acquisto che oggi è purtroppo piuttosto frequente e che è a danno, spesso, proprio del consumatore. Con questa espressione si indica infatti la strategia commerciale del venditore di un bene, che può arrivare ad obbligare chi compra un suo prodotto o servizio, a dotarsi contestualmente di una copertura assicurativa che viene integrata ( = embedded) nel costo e nel processo di acquisto del bene stesso.
Il mercato delle assicurazioni “embedded”, definite anche con il termine di “invisible insurance” è in forte crescita, in quanto rappresenta un ottimo veicolo di business sia per le compagnie assicurative che per i fornitori di servizi e prodotti.

LEGGI DI PIU’

Continua a leggere

Partnership tra Casa del Consumatore e Assaperlo.com per tutelare i consumatori

Sono sempre di più gli italiani che si affidano alle polizze online per confrontarle tranquillamente da casa, sentirsi più liberi e scegliere le più convenienti. Soprattutto con la spinta della pandemia, il web è diventato il luogo in cui si acquistano anche le polizze assicurative, ma purtroppo non sempre fila tutto liscio.

Per essere sempre più vicini ai consumatori e aiutarli in caso di difficoltà, Casa del Consumatore ha stretto una partnership con Assaperlo.com, il progetto digitale del broker assicurativo Assigeco che abbina online assicurazioni e servizi.

Vediamo di cosa si tratta. Continua a leggere

Sei assicurato e forse non lo sai

ivass

 

Siete soci di un’associazione sportiva, avete comprato un viaggio aereo, avete una fornitura di acqua o un finanziamento? Forse neppure lo sapete, ma, comprando questi prodotti e servizi, potreste anche esservi assicurati, aver pagato un premio e non conoscere neppure i rischi coperti dall’assicurazione che vi hanno venduto.
È questo il fenomeno che emerge da una recente indagine pubblicata dall’IVASS (l’istituto di vigilanza sulle assicurazioni) sulle polizze assicurative legate a prodotti e servizi non assicurativi.
Sono stati esaminati più di 1500 tipi di contratti, che complessivamente riguardano circa 15 milioni di persone.
Si tratta di polizze che nel 60% dei casi hanno un costo ridotto (inferiore ai 30 euro) e che, a seguito di accordi tra imprese di assicurazione e commercianti ed associazioni, vengono offerte si clienti in pacchetto insieme al prodotto/servizio principale. Continua a leggere

Contrassegno di assicurazione: non esporlo può costare caro!

index

Questa volta vi vogliamo segnalare un problema comune che ha colpito molte persone e a cui bisogna prestare attenzione per l’ effetto “domino” che può creare.
Può capitare, infatti, di dimenticare di esporre il contrassegno dell’assicurazione sul proprio veicolo per cui si rischia di essere multati dal primo vigile che passa. Fin qui, nessun problema: il vigile farà la multa, di 35 euro, che può dare un po’ fastidio se si è assicurati, ma che non è nulla di grave. Continua a leggere

Rc-Auto: stop all’obbligo di esporre il contrassegno

Il contrassegno cartaceo dell’Rc-auto si “dematerializzerà” e non ci sarà più l’obbligo di esporlo sulla propria auto. Un decreto di agosto 2013, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale lo scorso 3 ottobre, in vigore dal 18 ottobre 2013, definisce le tappe e modalità di attuazione di tale processo di dematerializzazione.

Ebbene sì, entro i prossimi due anni spariranno i contrassegni cartacei dell’assicurazione rc-auto, i quali verranno sostituiti con sistemi elettronici o telematici.
Questo processo di progressiva “dematerializzazione” dei contrassegni assicurativi rientra nel quadro di interventi ed iniziative intrapresi per contenere i costi dell’assicurazione rec-auto, ma ha anche lo scopo di ridurre notevolmente, o meglio ancora scongiurare, i casi di falsificazione dei contrassegni.

Per verificare il rispetto dell’obbligo di polizza assicurativa auto per la responsabilità civile e sanzionare gli eventuali (putroppo, ancora numerosi) casi di evasione di tale obbligo, gli agenti avranno a disposizione una banca dati integrata (targhe dei veicoli + polizze assicurative) da consultare in occasione dei normali controlli. Continua a leggere

Incidente stradale: le giuste mosse per farsi risarcire dall’assicurazione

Sei rimasto coinvolto in un incidente stradale? Ecco cosa devi fare per ottenere il risarcimento dall’assicurazione!
Denuncia
Che tu abbia torto o ragione, entro tre giorni dalla data dell’indicente devi mandare alla tua compagnia di assicurazioni la denuncia scritta compilando e inviando il Modulo Blu, cioè la constatazione amichevole di indicente.
Nel Modulo Blu descrivi l’incidente e non dimenticare di indicare la targa dei veicoli, i nomi degli assicurati e rispettive compagnie di assicurazione, se ci sono feriti, testimoni e se sono intervenuti Carabinieri o Polizia.
Firma il tutto facendo firmare, se possibile, anche l’altro conducente coinvolto.

Risarcimento diretto Continua a leggere

Rc auto: alla ricerca del risparmio

Tra le voci di spesa che pesano sempre di più sul bilancio familiare degli italiani c’è sicuramente l’RC-auto: un’assicurazione obbligatoria per chi vuole viaggiare col proprio mezzo, ma ogni anno sempre più cara.
Da quest’anno, finalmente, è stato abolito il tacito rinnovo: quindi, per cambiare assicurazione non è più necessario mandare una raccomandata di disdetta col preavviso di mesi… è sufficiente non rinnovare la vecchia polizza e stipulare un nuovo contratto assicurativo con un’altra compagnia. Quale occasione migliore, allora, per attivarsi alla ricerca di una polizza più conveniente?

Occhio ai siti comparativi Continua a leggere