Regali di Natale online: prima di acquistare consulta Shopping Verify

babbo-natale regali

Il Natale si avvicina e questo ponte dell’8 dicembre è l’occasione giusta per pensare ai regali. Tutti noi, ogni anno ci promettiamo di trovare qualcosa di azzeccato, bello e se possibile, senza trascorrere intere giornate a cercare il regalo perfetto.

Sia per questioni di tempo che di praticità, sono sempre di più gli italiani che decidono di acquistare i regali di natale online, perchè è un metodo comodo e veloce anche se, come più volte da noi accennato, bisogna stare attenti ed avere alcuni accorgimenti, soprattutto per evitare di trovarsi il giorno di Natale ad aspettare ancora il pacco.

Quest’anno, per gli acquisti di Natale, il Blog del Consumatore vuole darvi alcuni consigli. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Caro-luce novembre 2016: la classifica delle offerte elettriche più convenienti

Eccoci all’ultimo giorno di novembre con il Caro-luce, la classifica delle prime venti offerte più convenienti sul mercato elettrico italiano. Per vedere la classifica di tutti i mesi clicca qui).

In vetta alla classifica troviamo anche questo mese Wekiwi che, con i suoi sconti, ha l’offerta più conveniente.

Le differenze tra un’offerta e l’altra, contrariamente a quanto in genere si pensi, possono essere rilevanti e la scelta del fornitore giusto può farci risparmiare anche centinaia di euro ogni anno.
A loro volta, i fornitori propongono diverse offerte ed è quindi importante saper scegliere non solo il fornitore, ma anche la sua migliore offerta. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Prescrizione cartelle Equitalia. La Cassazione ha deciso

Equitalia

La prescrizione delle cartelle esattoriali è sempre stato un argomento abbastanza dibattuto, tra chi sostiene che si debba fare riferimento al termine di prescrizione lungo, quindi dovranno passare ben 10 anni, e chi reputa invece applicabile il termine breve previsto per il tributo stesso. Chi avrà ragione?

Per colmare le incertezze sorte su questo argomento, sono intervenute le Sezioni Unite della Corte di Cassazione che, con la sentenza 23397/2016, hanno voluto chiarire la questione.

Quindi, a cosa bisogna riferirsi? Termine lungo o termine breve?  Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Black friday: il venerdì nero dove si finisce in rosso

shoppingverify

“Al mio segnale scatenate l’inferno!”

Di certo Massimo Decimo Meridio, il personaggio interpretato da Russell Crowe ne “Il Gladiatore” non avrebbe mai pensato che la celebre frase da lui pronunciata si potesse tranquillamente associare anche ad una giornata di shopping selvaggio.

Eppure, tutti abbiamo visto quei servizi al telegiornale dove code di persone aspettavano pazienti fuori dai negozi americani, per poi scattare come velocisti all’apertura, per accaparrarsi le offerte migliori.

Perché proprio quel giorno? Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Olio di palma: la strega dei nostri tempi?

olio-di-palma-di-frutta_2943860

Succede sempre nello stesso modo, si comincia a parlare di un argomento per sommi capi e, alla fine, la questione si estende a macchia d’olio, tanto per rimanere in tema, fino a dominare i dibattiti e tutti i mezzi di comunicazione conosciuti. E se chiedete in giro, nessuno sa chi ha cominciato il telefono senza fili, ma tutti conoscono bene la notizia che da parecchi mesi tiene banco, l’olio di palma.

Ci siamo accorti di come dalle parole si sia passati ai fatti, con la comparsa, negli scaffali dei supermercati, di prodotti la cui confezione riporta la dicitura “senza olio di palma”. Anche le grandi marche si sono adeguate alla richiesta del popolo dei consumatori, che vorrebbe ridotto al minimo se non addirittura escluso, l’olio di palma dai cibi.

Ma l’olio di palma dove si usa? E fa male o no? Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Da oggi obbligo di catene o di pneumatici da neve. Occhio alle sanzioni

neve

Oggi tutti gli automobilisti si trovano di fronte alla scelta se mettere le catene a bordo oppure optare direttamente per le gomme da neve.

Indipendentemente da questa decisione, la cosa più importante e conveniente da fare è quella di informarsi sulle strade in cui vige tale obbligo e mettersi in regola, sia per la propria sicurezza che per evitare di prendersi una multa.

Ormai si tratta di un appuntamento annuale, dal 15 novembre fino al 15 aprile scatta l’obbligo di circolazione con pneumatici invernali. Si può scegliere se munirsi di gomme da neve oppure se avere soltanto le catene a bordo. L’arco temporale in cui vige quest’obbligo può essere esteso dalle Amministrazioni locali, in strade con particolari condizioni climatiche, come quelle di montagna.

Ma chi non rispetta l’obbligo, cosa rischia?

Le sanzioni sono piuttosto elevate, anche perché la sicurezza deve essere al primo posto.

Chi viene fermato in autostrada e non ha le gomme invernali o le catene in macchina, rischia una sanzione che va da un minimo di 80 euro, fino ad arrivare ad un massimo di 318 euro, con la decurtazione di ben tre punti dalla patente. Invece la sanzione è più bassa, ammonta a 41 euro, per chi non rispetta l’obbligo in un centro abitato.

Chi viene sanzionato, può usufruire della riduzione del 30% se effettua il pagamento entro 5 giorni.

L’automobilista però deve anche sapere che può andare incontro ad un possibile fermo del veicolo, qualora le condizioni meteo siano talmente avverse da rendere pericolosa la circolazione.

Quindi, ricordatevi che da oggi scatta il via, non fatevi trovare impreparati, ma soprattutto raccontateci la vostra opinione. Fateci sapere che cosa avete scelto, gomme da neve o catene a bordo?

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Ultime novità sulla rottamazione delle cartelle Equitalia

Equitalia

La rottamazione delle cartelle di Equitalia ha fatto sorgere tra i contribuenti parecchie domande, soprattutto quando si sono accorti di avere solo due mesi di tempo per poter aderire, per non parlare del numero abbastanza ridotto di rate in cui potranno pagare il debito.

Vi informiamo che per venire incontro ai contribuenti ci sono delle novità in corso di esame sia per quanto riguarda il termine per presentare il modello, dal 23 gennaio potrà slittare fino al 31 marzo e sia sul numero di rate, da quattro a cinque. Se davvero sarà così, cambierà ben poco per il contribuente, ma noi siamo fiduciosi ed attendiamo.

Vediamo di cosa si tratta.
Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page