E-commerce: ecco le abitudini degli italiani

Nella stagione dei saldi prima di fare acquisti è utile individuare il prezzo più conveniente e cercare la vera occasione. Ma come si muovono gli italiani in questa caccia al miglior affare? Quanto si interessano al tema e come cambiano le cose dalla Lombardia alla Sicilia, anche dal punto di vista dell’e-commerce?

idealo – il portale di comparazione prezzi che fornisce possibilità di risparmio per gli acquisti digitali – ha cercato di indagare sul fenomeno e di dare risposta ad alcune domande incrociando una serie di parametri oggettivi. L’istantanea ottenuta mette in luce situazioni prevedibili, conferma qualche luogo comune e mostra anche alcune sorprese.

Scopriamo le abitudini degli italiani. Continua a leggere

Canone Rai: a rate anche per chi paga con modello F24

Quando il Canone Rai non arriva direttamente in bolletta, per mettersi in regola e procedere al rinnovo dell’abbonamento, deve essere utilizzato il modello F24.

Chi deve rinnovare il pagamento del Canone Rai utilizzando l’F24 ha ancora a disposizione pochi giorni di tempo perchè la prima scadenza è il 31 gennaio 2017, indipedentemente dalla modalità di pagamento scelta.

Vediamo chi deve utilizzare l’F24 e quali sono le modalità di pagamento. Continua a leggere

Poste Italiane e il crollo dei fondi immobiliari: ecco cosa fare ora

È di questi giorni la notizia del crollo dei fondi immobiliari collocati da Poste Italiane nel periodo tra il 2002 e il 2005.

Il fondo di cui stiamo parlando, l’Invest Real Security, aveva scadenza nel 2013 ed il termine era già stato allungato di tre anni nella speranza che il mercato immobiliare si riprendesse ma non è successo; alla fine del 2016, coloro a cui Poste Italiane aveva presentato un investimento a basso rischio, si sono trovati a fronteggiare una perdita che va dal 50 all’80%.

A questo punto, però, i risparmiatori hanno denunciato la poca trasparenza informativa di Poste Italiane durante la collocazione dei fondi immobiliari in questione, rivolgendosi anche alle associazioni dei consumatori e chiedendo il rimborso del loro investimento.

È possibile, quindi, ottenere il rimborso? E chi può richiederlo? Continua a leggere

Oggi a Mi Manda Rai Tre: come ridurre i costi di riscaldamento

Oggi alle ore 10,00 a “Mi Manda Rai Tre” sarà protagonista un condominio di Asti che è stato il primo ad utilizzare una ESCO al fine di ridurre i costi di riscaldamento e facendosi finanziare dalla stessa azienda.

Il progetto è stato proposto dalla Casa del Consumatore che nello stabile ha la propria sede e lo amministra in autogestione, cioè senza amministratori condominiali di professione.

Ma cosa sono le ESCO ( Energy Saving Company )? Continua a leggere

Contratto GPL per uso domestico: occhio ai prezzi da pagare

agcm

Un anno fa l’Antitrust apriva tre procedimenti istruttori nei confronti di alcune delle maggiori aziende distributrici di GPL : Autogas Nord S.p.A., Butangas S.p.A. e Totalgaz Italia S.R.L. .

Parte attiva nell’apertura dei procedimenti è stata la Casa del Consumatore del Piemonte che, assistendo circa 40 famiglie clienti di Totalgaz Italia, aveva presentato una segnalazione all’Antitrust ponendo l’attenzione dell’Autorità per la Concorrenza su una serie di comportamenti posti in essere dalle aziende del GPL.

“Quello del GPL è un mondo che è riuscito – spiega Stefano Santin responsabile del Piemonte – con un’azione di lobbing a passare indenne a tutti i tentativi di liberalizzazione posti in essere, negli anni, dal Parlamento”.

Come funziona il contratto GPL? Continua a leggere

Canone Rai: hai poco tempo per evitare di pagarlo

canone rai

Dicembre e gennaio sono due mesi ricchi di scadenze e per evitare di dimenticarne qualcuna, è sempre meglio segnare le date sul calendario, oppure quando è possibile, togliersi subito il pensiero.

Iniziamo da chi non ha la tv che, per evitare l’addebito in bolletta del Canone Rai per l’anno 2017, deve presentare la dichiarazione di non detenzione dell’apparecchio, con il modello e le modalità indicate sul sito dell’Agenzia delle Entrate o della Rai.

Le dichiarazioni vanno presentate entro il 31 gennaio 2017 però l’Amministrazione Finanziaria, con comunicato stampa, ha invitato le persone interessate ad inviare il modello compilato entro la fine di dicembre e se si opta per l’invio cartaceo tramite raccomandata entro la data di oggi, al fine di evitare l’addebito in bolletta, di certo non gradito, della prima rata del mese di gennaio.

Come fare? Continua a leggere