Canone Rai: a rate anche per chi paga con modello F24

Quando il Canone Rai non arriva direttamente in bolletta, per mettersi in regola e procedere al rinnovo dell’abbonamento, deve essere utilizzato il modello F24.

Chi deve rinnovare il pagamento del Canone Rai utilizzando l’F24 ha ancora a disposizione pochi giorni di tempo perchè la prima scadenza è il 31 gennaio 2017, indipedentemente dalla modalità di pagamento scelta.

Vediamo chi deve utilizzare l’F24 e quali sono le modalità di pagamento. Continua a leggere

Oggi a Mi Manda Rai Tre: come ridurre i costi di riscaldamento

Oggi alle ore 10,00 a “Mi Manda Rai Tre” sarà protagonista un condominio di Asti che è stato il primo ad utilizzare una ESCO al fine di ridurre i costi di riscaldamento e facendosi finanziare dalla stessa azienda.

Il progetto è stato proposto dalla Casa del Consumatore che nello stabile ha la propria sede e lo amministra in autogestione, cioè senza amministratori condominiali di professione.

Ma cosa sono le ESCO ( Energy Saving Company )? Continua a leggere

Saldi: tutto quello che bisogna sapere per evitare fregature

saldi

Passata la frenesia degli acquisti natalizi, come ogni anno, ci troviamo ad attendere l’inizio dei saldi, un periodo molto utile per poter acquistare quell’oggetto o quel capo a prezzo scontato e che teniamo d’occhio da tempo.

La data di partenza di questi saldi invernali 2017 é oggi, 5 gennaio, ma prima di intraprendere questa corsa alla ricerca del vero e proprio affare, é fondamentale un po’ di “riscaldamento” e proprio per questo il Blog del Consumatore vuole informarvi su alcune cose che ancora non tutti sanno.

Ecco quello che il consumatore deve sapere. Continua a leggere

L’Italia non è un paese per giovani

partenze

L’Italia non è un paese per giovani“, lo sentiamo dire così tante volte che non ci soffermiamo neanche più a riflettere sul significato di questa affermazione.

Sono di questi giorni i dati del Censis (l’organo che, ogni anno, si occupa di raccogliere e fornire un’indagine approfondita della situazione della popolazione giovanile in Italia) e quest’analisi dovrebbe preoccuparci più di tutti i referendum e dei presidenti con ciuffi importanti appena eletti.

Come si prospetta il domani per i giovani di oggi? Continua a leggere

Caro-luce novembre 2016: la classifica delle offerte elettriche più convenienti

Eccoci all’ultimo giorno di novembre con il Caro-luce, la classifica delle prime venti offerte più convenienti sul mercato elettrico italiano. Per vedere la classifica di tutti i mesi clicca qui).

In vetta alla classifica troviamo anche questo mese Wekiwi che, con i suoi sconti, ha l’offerta più conveniente.

Le differenze tra un’offerta e l’altra, contrariamente a quanto in genere si pensi, possono essere rilevanti e la scelta del fornitore giusto può farci risparmiare anche centinaia di euro ogni anno.
A loro volta, i fornitori propongono diverse offerte ed è quindi importante saper scegliere non solo il fornitore, ma anche la sua migliore offerta. Continua a leggere

Da oggi obbligo di catene o di pneumatici da neve. Occhio alle sanzioni

neve

Oggi tutti gli automobilisti si trovano di fronte alla scelta se mettere le catene a bordo oppure optare direttamente per le gomme da neve.

Indipendentemente da questa decisione, la cosa più importante e conveniente da fare è quella di informarsi sulle strade in cui vige tale obbligo e mettersi in regola, sia per la propria sicurezza che per evitare di prendersi una multa.

Ormai si tratta di un appuntamento annuale, dal 15 novembre fino al 15 aprile scatta l’obbligo di circolazione con pneumatici invernali. Si può scegliere se munirsi di gomme da neve oppure se avere soltanto le catene a bordo. L’arco temporale in cui vige quest’obbligo può essere esteso dalle Amministrazioni locali, in strade con particolari condizioni climatiche, come quelle di montagna.

Ma chi non rispetta l’obbligo, cosa rischia?

Le sanzioni sono piuttosto elevate, anche perché la sicurezza deve essere al primo posto.

Chi viene fermato in autostrada e non ha le gomme invernali o le catene in macchina, rischia una sanzione che va da un minimo di 80 euro, fino ad arrivare ad un massimo di 318 euro, con la decurtazione di ben tre punti dalla patente. Invece la sanzione è più bassa, ammonta a 41 euro, per chi non rispetta l’obbligo in un centro abitato.

Chi viene sanzionato, può usufruire della riduzione del 30% se effettua il pagamento entro 5 giorni.

L’automobilista però deve anche sapere che può andare incontro ad un possibile fermo del veicolo, qualora le condizioni meteo siano talmente avverse da rendere pericolosa la circolazione.

Quindi, ricordatevi che da oggi scatta il via, non fatevi trovare impreparati, ma soprattutto raccontateci la vostra opinione. Fateci sapere che cosa avete scelto, gomme da neve o catene a bordo?