Prezzi carburanti alle stelle, ma in Francia no…

Mentre in Italia ci accalchiamo ogni weekend in coda alle stazioni ENI per risparmiare alcuni centesimi sul costo dei carburanti, ormai giunto a livelli inaccettabili, i nostri cugini d’oltralpe trovano in qualsiasi stazione prezzi inferiori alla migliore delle nostre offerte.

Come si vede nella foto, che risale a due giorni fa, in Francia è assai facile trovare stazioni di rifornimeno che con prezzi inferiori di circa 30 centesimi rispetto a quelli abitualmente praticati in Italia. Il che si traduce in un risparmio di 15 euro per un rifornimento da 50 litri! Mica male per un paese in cui i livelli medi di stipendio sono ben più alti che in Italia e la pressione fiscale è nettamente inferiore.

In questo bel panorama le accise sulla benzina continuano a salire e di reale concorrenza nel settore dei carburanti ancora nessuna garanzia per il consumatore… Povera Italia!

Se siete in giro all’estero in vacanza e volete segnalarci i costi del carburante che trovate, fatelo sul blog del consumatore commentando questo post!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

35 risposte a “Prezzi carburanti alle stelle, ma in Francia no…

  1. prezzi da 1.520 a 1.790 quindi come media intorno al 1.600.Molte stazioni di rifornimento in meno rispetto all’Italia dove se ne possono trovare 5 in 200 metri delle quali due di una stessa compagnia

  2. Non capisco perchè accusi l’ avere troppi rifornimenti in Italia, il numero elevato di rifornimenti dovrebbe giovare la concorrenza e quindi proporre dei prezzi più bassi, il problema dell’ Italia è questo Stato di m…. che abbiamo che non fa altro che aumentare sempre le accise!!!

  3. “Mica male per un paese in cui i livelli medi di stipendio sono ben più alti che in Italia e la pressione fiscale è nettamente inferiore.”

    Io mi domando se veramente chi fa alcuni tipi d articoli abbia un minimo di cognizioni economiche o sapiia di quale paese stia parlando.
    Il prelievo fiscale è a livelli record in Italia,questo lo sappiamo tutti.
    Il costo del carburante è in gran parte determinato dalle accise (Stato) ergo Prelievo fiscale.
    Morale: Se dovessero abbassare la benzina ti toglierebbero soldi da qualche altra parte (casa? Sanità?) perchè alla fine se lo stato sia spetta di ricavare 100 dalle accise, abbasandole quel 100 lo deve tirare via da altre parti che rendano in quel modo, sempre in servizi usati da TUTTI.
    E’ inutile quindi lamentarsi perchè l’altro stato CON UNA PRESSIONE FISCALE MINORE (questa è la spiegazione) ha prezzi più bassi.
    Lamentiamoci invece dei tagli che i privilegiati non fanno

  4. Questo è semplicemente un paese di merd@. Tutto qui, e quando ce ne rendermo conto forse le cose cominceranno a cambiare, invece di continuare a ritenerci sempre superiori a tutti.
    RIDICOLI.

  5. a fine luglio ero in Belgio per lavoro ed ho visto ad un distributore tipo low cost il gasolio a 1,38 euro/litro-
    oggi in Italia viaggia tra 1,75 e 1,85, da piangere !!!!

  6. 15-08 San Sebastian,Spagna…Diesel 1.340,Verde 1.440 .La Spagna non naviga nell’oro ,ma non ci vuole un genio a capire che forse sarebbe meglio tagliare da altre parti…più sale la benzina,più salgono i prezzi di trasporto,più salgono i prezzi di trasporto…più costano alimenti e tutti gli altri prodotti trasportati via terra.
    Così ti ritrovi pieno di benzina e spesa più cari…ottimo connubio
    Magari tagliare la metà dei dipendenti della Sicilia sarebbe già un buon inizio,oppure smettere di pagare per il terremoto dell’Irpinia o per la guerra in Abissinia (credo sia finita,abbiamo fatto 2 a 2)

  7. Concordo con quello che dice Alessandro, semplicemente in Italia abbiamo le tasse più alte al mondo, quindi anche la benzina ed il gasolio costerà di più che in altri stati.

    Per risparmiare basta girare con una Panda a metano, se si vuole invece un’auto con più di 150cv allora si paga.

    Poi ci sono dei privilegi sociali che devono essere eliminati a tutti i costi, solo per fare un esempio i parlamentari italiani prendono 14.700 euro al mese, i tedeschi 7.668 euro. Indecente.

    Chi produce deve essere premiato, i parassiti no.

  8. In Francia una agenzia statale mette in rete il costo dei carburanti alla pompa sul tutto il territorio. Io mi sono recato in Corsica di giugno e sapevo durante il percorso che facevo quali erano i distributori più risparmiosi ho pagato il gasolio anche 1,38(come facciamo a fare concorrenza con 30 cent. in più) Se digitate “costo carburanti Francia”troverete il sito statale.Dimenticavo, i gestori degli impianti sono obbligati a comunicare all’agenzia il prezzo che praticano nella settimana.Noi siamo terzo mondo!!!

  9. Sono appena rientrato dalle Isole Baleari e il costo del carburante è il seguente: 1,47-1,50 per la SUPER SENZA PIOMBO e 1,33-1,40 per il GASOLIO…Più di 30 centesimi in meno rispetto all’Italia, in un paese, la Spagna, messo peggio di noi economicamente che potrebbe aumentare le accise per far cassa ma li questo non succede…Mah!!

  10. Sono tornato da poco da una vacanza in Austria. Lì il gasolio a 1.40 era LA NORMA in città, e in autostrada si trovava a 1.55.
    Lo stato italiano trova tutti i modi per salassarci senza offrire in cambio quasi nessun servizio di qualità.
    Siamo un paese morente. In parte è colpa anche dei cittadini, comunque, perché siamo noi che abbiamo permesso a questa classe politica di portarci dove siamo. Assunzioni di raccomandati a destra e a manca, cariche inventate, e nessuna vera scelta strategica. Vero è che altrove si fanno ponti, TAV, centrali nucleari, si buttano giù gli edifici vecchi e non storici e si ricostruiscono le città intere con tecniche antisismiche, ma da noi mi immagino marce di protesta per ciascuna di queste iniziative. Noi invece scegliamo come al solito “di pancia”, e ci illudiamo che con quattro girandole e pannelli che accendono una lampadina andiamo verso il futuro. E adesso becchiamoci la benzina alle stelle, tò.

  11. Al 10/08 ero in Francia e precisamente nella zona tra Bordeaux e Toulose , ho fatto rifornimento di gasolio pagandolo ben €.1,393/lt. , al Centro Commerciale Leclerc ! cosa incredibile che in ogni distributore è possibile pagare con Carta di Credito , in più in ogni centro commerciale c’è un distributore !

  12. Sono stato a Palma de maiorca il mese di luglio prezzo medio del gasolio 1.45, Repsol 1.31 al litro !!! come diceva il grande Peppino De Filippo Ho DETTO TUTTO!

  13. Buongiorno,
    mi trovo in Germania in vacanza: qui i prezzi alla pompa sono da 1,35 a 1,48 per il diesel e da 1,55 a 1,68 per la benzina.Qui si stanno lamentando molto soprattutto per il prezzo del diesel che pochi mesi fa era intorno a 1,20 – 1,30

  14. Infatti la domanda è proprio questa! Se il gettito fiscale che arriva dalla benzina è così enorme e globalmente non abbiamo meno tasse di altri, ma gli stipendi sono più bassi e il costo del lavoro alle stelle… Vogliamo renderci conto di quanti soldi buttiamo al vento?

  15. SEMPLICE.
    GUARDIAMO IL RESTO DEL MONDo.
    NESSUNO DEI DIRIGENTI ( PRESIDENTI, CAPI DELLA POLIZIA ECC.ECC. ) PERCEPISCE GLI STIPENDI CHE PERCEPISCONO I NOSTRI “CAPI”.
    MEDIAMENTE I NS. PERCEPISCONO IL DOPPIO E LAVORANO MALE E POCO.
    INFATTI CI HANNO PORTATI AL FALLIMENTO.
    RIDUCIAMOCI GLI STIPENDI E LE PENSIONI.
    CI SAREBBERO I SOLDI PER FAR RIPARTIRE L’ECONOMIA ED IL LAVORO.

  16. Il probelma è che per coprire errori fatti in anni e anni di politica, si preferisce recuperare tutto a discapito dei più poveri! Il governo Monti ha semplicemente fatto in pochi mesi quello che in anni non hanno mai fatto i governi precedenti!! Purtroppo si è solo accanito su una fetta di popolazione..

  17. Alessandro posso essere anche d’accordo con te,ma mi spieghi allora perché qui la pressione fiscale è così alta mentre in Francia no?

    un motivo valido

  18. Le tasse per pagare i servizi che offre lo stato debbono essere EQUE per tutti , tassando la benzina vengono gravati per lo più i soliti ceti medio bassi: il pendolare (che già non ha il servizio pubblico di trasporto per andare a lavoro) i gli agenti rappresentanti, i pony espress ecc … mentre a chi lavora sotto casa poco incide .., ad esempio se le accise venissero caricate sull’acqua (di cui paghiamo un costo tra i minori d’Europa) serebbe più equo e si eviterebbero i sprechi …..

  19. Abito a Cuneo e confermo che quando posso la gita Domenicale la faccio in Francia e mi faccio il pieno di carburante perche’ sia in Val Roja verso Ventimiglia che nella vallata dell’Ubaye ( dal Colle Maddalena verso Barcelonnette e Gap ) il costo dei carburanti e’ quello che avete pubblicato nell’articolo. Domenica 5 Agosto ho fatto il pieno a Barcelonnette ed il costo del Diesel era esattamente 1.440 Euro

  20. Ma allora invece di lamentarci , ci riusciamo a metterci d’accordo e lasciare questa macchina ferma almento per un fine settiamana?? riusciamo a rinunciare a qualcosa per combattere??
    Questo sabato e domenica andiamo tutti a comprare il giornale a piedi, DDAI????
    Fa anche bene alla salute. e basta lamentarsi, agire agire agire!!!

  21. IMPORTANTE : In OMAN la benzina VERDE migliore e più costosa costa 0,12 Rial cioè 0,24 euro – ci dicono che il PETROLIO costa circa 100 dollari al barile cioè circa 80 euro circa – se il barile sono 160 litri vuol dire che al litro il petrolio costerebbe 0,5 euro – possibile che in OMAN la benzina già raffinata, lavorata, trasportata, con utile per i gestori etc COSTI MENO DELLA META’ di quello che a NOI poveri mortali costa il petrolio ???? -forse … non è il caso di comperare già la benzina già fatta dai cari Omaniti — che il governo (benedetto) degli Omaniti agevoli il suo popolo per mè è chiaro come per mè è chiaro che i nostri governi non sono come quello Omanita – Forse … che sia meglio anche un buon Sultano anche in Italia …
    Non come sono i nostri governanti ….. mangiam…e – ah altra cosina In Oman quando uno si sposa gli viene fornito un’appezzamento di terra GRATIS e dove uno vuole tra le terre governative .. ca 5-10.000 mq per farsi la casa … QUASI come da noi – eh . proprio QUASI !!!- pensavo di trovare un paese da terzo mondo … l’ho trovato bellissimo ( l’Oman) , pulitissimo , stranamente profumato , con lavoro per tutti, extracomunitari compresi (per chi ha voglia di lavorare ) – tante “bellezze naturali” – ma l’Italia è sempre l’Italia – bisognerebbe SOLO …. triturare, macinare, strizzare, le palline di chi ci stà ciucciando le ultime risorse – giao gente diamoci da fare per lavorare ma anche per toglierci dai “gioiellini” i costi SOLO superflui che ci danno QUESTI politici e costi dello stato

  22. tutti noi discutiamo sulle stesse cose e siamo tutti dello stesso parere, siamo persone intelligenti ed è questa l’unica cosa che spaventa il sistema – siamo certi ed è alla luce del sole che tutto quello che sta facendo il governo non è niente di buono, l’impressione è quella di indebolire il ceto medio impoverendolo in modo tale che non abbia le forze di rivoltarsi.

  23. Monti taglia solo ai poveracci che lavorano per dare da mangiare ai propri figli mentre i suoi collaboratori sono intoccabili perfino per lui che sicuramente avrà le mani legate.i nostri politici quasi in toto sono sempre la solita manica di corrotti e filo mafiosi perchè purtroppo i veri delinquenti non sono in carcere ma per le strade seduti alla camera e al senato.VERGOGNATEVI!!!!

  24. Ma alle prossime votazioni chi posso votare????…qualcuno che voglia veramente CAMBIARE!!!!non esiste e quindi non dobbiamo votare!

  25. 1 mese fa sono stato in francia Alsazia nella città di mulhouse pagato in un total 127.9 a dir poco stupefacente che qua ! Stato di merda poi diciamo tanto su ai nostri vicini ritenendoci migliori vergogna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *