Crisi economica. Cosa e’ successo e dove siamo

Crisi economica: il panorama culturale economico – sociale si sta interrogando e cerca di capire.
Quello che si può notare e’ che questa società dei consumi – negli ultimi venticinque anni – mettendo a disposizione di tutti gli stessi beni, si è sempre piu’ trasformata  da “ società  dei bisogni “ in  “società dei desideri “.

La società dei consumi, quindi, ha bisogno di distruggere risorse per poter sopravvivere, e questo meccanismo che, inizialmente, sembrava avere effetti positivi  presenta oggi  contraddizioni e problemi di natura diversa  ( ambientali, psicologici, ecc..).
La crisi economica e finanziaria che stiamo vivendo conferma dunque,  che il modello economico  di riferimento  e’ un modello che mostra nel lungo periodo gravi squilibri  economici, finanziari e sociali.

Infatti, lo sviluppo  del mercato capitalistico democratico del secondo dopoguerra con una accelerazione dopo al caduta del muro di Berlino ,  a seguito del venir meno della guerra fredda, è potuto crescere  stimolando i desideri e , quindi,  trasformandoli in bisogni. I bisogni in seguito hanno vitalizzato, con una dinamica costante e crescente, la domanda. Affinchè il desiderio diventi bisogno ed il bisogno si trasformi in  domanda, e’ necessaria la capacità di poter possedere gli oggetti desiderati; possesso  facilitato mediante l’accesso al credito finalizzato all’acquisto dei beni e dei servizi ambiti. In altre parole, la libertà ha esaltato la mobilità sociale e quindi l’individualismo. L’egoismo individuale, nell’attuale società, ha condizionato i comportamenti  convalidando  il desiderio di benessere in diritto. La corsa al benessere  e’ stata sostenuta dalla espansione  del sistema finanziario, resosi autonomo e autoreferenziale, alimentato da personalismi ed avidita’. La crescita della disuguaglianza sociale si e’ acutizzata.

La risposta politica all’aumento della disuguaglianza e’ stata quella di espandere il credito alle famiglie , specialmente quelle a basso reddito.
Questa politica non ridistributrice del reddito e della ricchezza, – finalizzata anche al consenso sociale di un sistema non equitativo nella politica sociale –   ha alimentato una falsa percezione di uguaglianza nelle classi meno abbienti.
L’idea di un progresso permanente ed immanente, che ha sostenuto l‘uomo occidentale nella sua storia, si è organizzata in una sorta di evoluzionismo sociale basato su una legge di sviluppo, secondo la quale la conoscenza scientifica e la capacità di agire sulla natura determinano una crescita costante.
Questa concezione poggia sulla convinzione che il passato e il presente siano noti, come pure gli elementi che producono l’evoluzione, e che la causalità sia lineare. Per tutto questo, il futuro sarebbe prevedibile.
Ma, l’evoluzione non è soggetta a leggi né a condizionamenti deterministici. Non è né automatica, né lineare. Non esiste un fattore costante che la condiziona.

La realtà sociale è complessa e l’evoluzione viene influenzata da diversi fattori  quali: invenzioni tecniche, cultura, genetica, caso , ma anche emozioni, euforia e panico.
Le mutazioni, le crisi che coinvolgono l’economia, la cultura, il costume dimostrano l’inadeguatezza di ogni metodo di previsione per la comprensione delle trasformazioni strutturali in atto nella società. Questo, anche perché la previsione attiene al breve e medio termine, dato che ammette una notevole stabilità del contesto  esterno del sistema considerato. E quanto più l’ambiente del sistema si destabilizza e diviene aleatorio, più l’orizzonte prevedibile si accorcia.

A. Toynbee riteneva che siano la razza e l’ambiente le due chiavi di interpretazione per spiegare il problema delle diseguaglianze culturali fra le varie società umane, ma in una visione dinamica: la sfida dell’ambiente e la risposta di una razza ne determinano lo sviluppo o il declino. Le sfide e le risposte possono essere vittoriose ad infinitum. La decadenza deriva invece da una perdita di controllo, significa lo snaturamento della libertà nell’automatismo, nella disgregazione della società in egoismi particolari.

Quali sono, ora, in questo mondo nuovo le sfide da fronteggiare?
Da una prima analisi, certamente la diversa evoluzione demografica e l’invecchiamento delle popolazioni nelle varie aree del pianeta, la scarsità delle risorse naturali ed agricole, la bassa crescita economica, il distacco della finanza dall’economia reale.
Esiste una correlazione fra piramide demografica e crescita, come fra massa monetaria e crescita.
Il futuro si costruisce sulle nuove generazioni, sul loro entusiasmo, sulle loro idee. Se vi sono meno giovani vi  sono anche  minori entusiasmi e creatività. Se, inoltre, i giovani hanno difficoltà a inserirsi nel mondo del lavoro, quei pochi entusiasmi vengono perduti o dispersi nella frustrazione.
La globalizzazione, la diffusione della “rete”, e l’affermazione della politica economica e monetaria liberista hanno favorito un periodo effervescente di nuove invenzioni, di crescita economica, di benessere diffuso.
La politica monetaria espansiva e la deregulation finanziaria  hanno alimentato l’aumento della massa monetaria che continua ad espandersi naturalmente a causa degli interessi passivi dei titoli di debito che l’hanno generata e per l’invenzione di nuovi mezzi finanziari, quali i prodotti strutturati ed  i futures.
Si è ritenuto – poiché si supponeva di conoscere la correlazione fra causa ed effetto – di poter controllare gli eventi e, quindi, i rischi. Ma, più un sistema dinamico è aperto, più aumentano le variabili e le loro interconnessioni, e più è difficile controllare il rischio. E’ quello che è accaduto con la crisi prima della new economy, poi con quella globale del 2008.
La crisi del 2008, ha evidenziato i limiti di questa politica e fatto sorgere dubbi e interrogativi sulla possibilità di interventi futuri.

E ora, quale scenario potremmo prevedere  entro i prossimi due-tre anni? Verosimilmente potrebbe verificarsi una crisi del debito sovrano statunitense.
Come ricordava C. M. Cipolla, ogni crisi monetaria è sempre indotta dalla moneta dominante; analogamente la crescita economica degli Stati Uniti potrebbe non riuscire ad assorbire la sperequazione fra massa monetaria e ricchezza.
Sull’euro potrebbe abbattersi una speculazione proveniente da oltre Atlantico, con gravi ripercussioni sulla sua stabilità e “sopravvivenza” dell’Unione. Il dollaro, quindi, rimarrebbe nuovamente l’unica moneta di riferimento. I  dubbi sulla tenuta dell’Unione Europea sono evidenti poiché la crisi dell’Euro finira’ per minare ulteriormente l’unità politica dell’Europa.  Per ora, l’Unione Europea è solo un’“espressione monetaria” (Metternich definiva l’Italia una “pura espressione geografica”), con profonde divisioni ed una crescente diminuzione della capacità di governance regionale.

In conclusione, anche se i meccanismi interni del sistema economico mondiale venissero pienamente compresi e anche se i fattori esterni che ne influenzeranno lo sviluppo nel prossimo quarto di secolo fossero  sufficientemente conosciuti, non si potrebbe ridurre il futuro ad un’unica ipotesi.

La principale ragione sta nel fatto che alcuni dei fattori, dai quali il corso dei futuri sviluppi potrebbe dipendere, saranno controllati – o, anche, resi incontrollabili – dall’intervento nazionale o internazionale espressamente guidato da un calcolo politico più o meno razionale. Questa è una delle ragioni per le quali le analisi non possono pervenire ad un’unica proiezione del corso futuro dello sviluppo dell’economia mondiale, ma  solo ad una serie di possibili scenari alternativi, la cui validità decresce con l’aumento dell’arco temporale a cui si riferiscono.
Originalità  lucidità  e analisi di visione sono comunque necessarie  che si potrebbero riassumere con il detto di Seneca: Non c’è vento favorevole per chi non sa dove andare.

Dott. Gianluigi Longhi

Economista e Consigliere nazionale di Casa del Consumatore

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

4 risposte a “Crisi economica. Cosa e’ successo e dove siamo

  1. —-Messaggio originale—-
    Da: support@italia-programmi.net
    Data: 6-nov-2011 2.15
    A:
    Ogg: Sollecito di pagamento – italia-programmi.net

    Italia-Programmi.net – Sollecito di pagamento

    Gentile Signor Daniele Paganini,

    purtroppo ad oggi non abbiamo ancora ricevuto notifica dell’avvenuto pagamento dietro nostro
    sollecito del 25/10/2011 (Numero fattura: F397879). Siamo sicuri che si tratti solo di una svista;
    nel caso in cui abbiate già provveduto al pagamento, ignorate pure la presente comunicazione.

    Registrandovi sul sito http://www.italia-programmi.net avete accettato le nostre condizioni
    commerciali generali e vi siete impegnati al pagamento immediato. Al fine di evitare fraintendimenti
    e per dare ai nostri clienti la possibilità di testare senza impegno la nostra offerta, offriamo la
    possibilità di annullare gratuitamente il contratto entro 10 giorni dalla data di registrazione.
    Voi non avete usufruito di questo diritto (o comunque non entro il termine di 10 giorni). Pertanto ci
    permettiamo di sollecitare, tramite il presente avviso, il pagamento del credito insoluto.

    —————————————————————————

    Accesso per 12 mesi a http://www.italia-programmi.net – 96,00 EUR

    8,00 EUR per mese, pagamento secondo le condizioni commerciali dell’anno precedente.

    —————————————————————————

    Importo dovuto 96,00 EUR

    —————————————————————————
    —————————————————————————

    La preghiamo di eseguire il pagamento di 96,00 immediatamente tramite SEPA / bonifico UE
    sul seguente conto bancario:

    Beneficiario: Estesa Ltd.
    IBAN: CY30005001400001400154795201
    BIC-Code: HEBACY2N

    La preghiamo di voler indicare in fase di versamento la seguente causale in modo da poter
    tracciare il Suo pagamento: F397879

    Se non disponete di un servizio banking online, potete utilizzare il nostro ordine di bonifico
    da noi approntato (ORDINE-DI-BONIFCO-F397879.PDF). Lo troverete in allegato a quest’e-mail.
    Dovete semplicemente inserire i vostri dati e inoltrarlo alla vostra banca dopo averlo firmato.

    Il mancato rispetto del termine indicato nel presente avviso di pagamento comporta, come da
    D.lgs. 231/2002, l’obbligo al pagamento di interessi moratori. Rientrano in questi ultimi in
    particolare le ulteriori spese per azioni legali (per esempio altri solleciti, il ricorso ad
    uno studio legale per la riscossione o l’avvio di una procedura giuridica).

    Per qualsiasi domanda su questa fattura e sui nostri servizi, si rivolga tramite e-mail al nostro
    servizio clienti: support@italia-programmi.net

    In allegato trovate l’avviso di pagamento in formato originale su nostra carta intestata.
    L’allegato non contiene virus. Per aprire il documento è necessario Adobe Reader.

    Distinti saluti,
    Il Team di Italia-Programmi.net
    http://www.italia-programmi.net

    ……………………………….
    Estesa Ltd. – Global Gateway 2478, Rue De La Perle, Providence, Mahe, Republic of Seychelles
    E-Mail: support@italia-programmi.net

    Registro di commercio: No. 079143, Seychelles Company Book

    Ulteriori chiarimenti per fatture e solleciti:

    Su questo sito internet ha accettato im modo esplicito le nostre condizioni di utilizzo.
    L’accesso sul suo sito http://www.italia-programmi.net e’un abbonamento a pagamento.
    Il pagamento dell’utilizzo del servizio deve essere versato 12 mesi in anticipo,
    come evidenziato dai nostri termini e condizioni generali.

    Con il pagamento si accede al diritto di utilizzo del sito per 12 mesi.
    Onde evitare che una terza persona si registri con i vostri dati d’accesso,
    abbiamo messo in atto vari controlli di sicurezza, che saranno prova inconfutabile in caso di controversie.

    Abbiamo inoltre inviato alvostro indirizzo E-mail i dati d’accesso con i quali
    si puo’beneficiare dei nostri servizi attivati da parte nostra con un email di conferma.

    Al momento della registrazione, avete fornito i seguenti dati:

    Nome / Cognome: Daniele Paganini
    Via numcivico : Viale Parigi 6
    cap Citta’: 03100 Frosinone

    Data di nascita: 22/02/1982
    Telefono: 3920888282
    E-Mail: daniele.paganiniibno@alice.it

    Per precauzione, al momento della registrazione, vi e’stato trasmesso e salvato L’indirizzo IP.
    Questo appare come: 151.28.79.156/ppp-156-79.28-151.libero.it. In caso di indagini
    penali e’posssibile risalire dall’indirizzo IP per identificare il computer, per vedere il tempo
    di applicazioni che e’stato utilizzato, tramite le autorita’ competenti. Poiche’i dati di connessione
    devono essere conservati almeno 6 mesi in base al diritto attuale, l’indagine penale e’promettente.

    SECONDO VOI COME MI DEVO COMPORTARE

  2. IGNORARE…dopo un certo periodo, chiudono, perche’ gli avvocati costano e per meno di 100 Euro, state tranquillo, non si muovono. Esperienza fatta.

  3. mi associo. 110.50€
    iscritto 25/08/2011 ignaro del pagamento, sono in possesso dei miei dati, ma non ho la piu pallida idea di cosa vogliono da me! Continuano i solleciti ,in procinto di pagamento mi è stato fatto notare quel strano indirizzo(eban) un piccola indagine (un paio di minuti) e eccomi qua!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *