Viaggi all’estero: cambio e carte di credito

Quando si organizza un viaggio all’estero, spesso si dimentica di controllare quali sono mezzi di pagamento più adatti. Le carte sono la scelta migliore: grazie a questo articolo è possibile sapere perché.

È sempre meglio cercare informazioni sugli eventuali mezzi di pagamento del paese che si andrà a visitare prima di partire per un viaggio all’estero.

Il funzionamento del cambio
Usare la carta è sempre la scelta migliore perché tutela da eventuali frodi ma, soprattutto, è richiesta come garanzia per le prenotazioni. Inoltre, a volte non è neanche permesso pagare in contanti (avviene spesso presso alberghi o con servizi di autonoleggio).

Il cambio dei soldi
La valuta può essere comprata in banca, in un ufficio postale o presso un cambiavaluta privato. È meglio andare nella banca in cui si ha il conto corrente: molte banche non fanno cambio per chi non è correntista. Invece, grazie ai cambiavalute privati online è possibile prenotare il cambio e fissare così il tasso di cambio che sarà applicato quando si andrà a ritirare i soldi. È bene ricordare che all’estero si può prelevare agli sportelli automatici in valuta locale, stando attenti ai costi aggiuntivi.
Se si effettua un pagamento con la carta, le operazioni in valuta estera saranno convertite in euro prima del loro addebito. Il tasso di cambio applicato alle operazioni in valuta estera viene individuato dai circuiti di riferimento della carta.

Le carte di credito sono comode, quelle che hanno il circuito di pagamento Visa o Mastercard sono utilizzabili in quasi tutto il mondo.

Il plafond della carta di credito
Il plafond indica la somma massima spendibile in un giorno o in un mese. Potrebbe essere un problema andare all’estero con una carta che ha un plafond di spesa troppo basso; se la banca non può alzare il plafond, meglio portare con sé altre carte di pagamento: come una carta di debito internazionale o una carta prepagata.
Le carte prepagate sono molto diffuse in Italia e possono essere usate anche all’estero se appartengono a un circuito di riferimento internazionale e sono l’unico strumento di pagamento, oltre ai contanti, che possono usare i minori in viaggio all’estero.

In caso di furto della carta:
• prima di partire, è meglio salvare sul cellulare i numeri da chiamare in caso di emergenza;
• è utile portare con sé una fotocopia della carta (da non tenere nel portafogli) oppure salvare una foto sullo smartphone;
• non appena ci si accorge di non aver più la carta, è necessario chiamare immediatamente il numero del Servizio clienti messo a disposizione da tutti gli enti emittenti;
• fare una denuncia alle Autorità è fondamentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *