Energia elettrica: anomalie in bolletta?

lampadina_euro[1]

Sono sempre di più gli utenti di energia elettrica che leggendo la bolletta individuano delle anomalie e si rivolgono alle Associazioni dei Consumatori. Tra conguagli, contratti non richiesti e letture stimate, lo scenario è davvero variegato ed i consumatori, non sapendo come comportarsi, vanno in confusione.

I casi che si sono presentati sono tanti, ne riportiamo alcuni:

– la Sig.ra Maria ha ricevuto una fattura di conguaglio dopo due anni dallo switch; ha contestato; le è stata rettificata la fattura per ben tre volte e con tre totali diversi (sempre in crescendo) ed ovviamente le è sorto il dubbio… quale delle tre rettifiche sarà giusta?! Per continuare, anche la conciliazione non ha avuto esito positivo e quindi, la Sig.ra Maria, tartassata, sfinita e minacciata dal recupero crediti ha deciso di chiedere la rateazione e pagare;

– il Sig. Carlo, molto anziano e con problemi di udito, ha ricevuto una telefonata con la quale gli prospettano un contratto; non avendo capito bene se per caso il contratto è stato concluso, decide di esercitare il diritto di ripensamento; l’azienda non si arrende, lo chiama insistentemente per cercare di fargli cambiare idea e lui ne resta turbato: ha paura di aver dato l’assenso per altri contratti senza volere;

– la Sig.ra Enza ha sottoscritto un contratto per l’energia tramite venditore porta a porta che prospettava un risparmio del 10% sulle fatture (prima pagava Euro 60,00 a bimestre ed ora si convince di pagarne Euro 54,00 a bimestre); sembra l’affare del secolo: un risparmio sicuro!!!! Allettata, la Sig.ra Enza ha accettato anche la fornitura di lampadine a basso consumo energetico (strapagate per la potenza fornita!!!). Quando riceve la prima fattura, si avvede che sta pagando anche un’assicurazione mai richiesta, il canone di una carta di pagamento ricaricabile inviatale a casa seppur non fosse mai stata menzionata nella contrattazione e, naturalmente, con canone addebitato sulla fattura!!! Per non parlare dell’importo da pagare richiesto in fattura: ovviamente maggiore rispetto alle bollette precedenti!!!

– il Sig. Fabrizio fin dal 2009 ha contestato il consumo del gas perché il suo contatore riporta una lettura più bassa di quella espressa in fatturazione. E comincia qui la sua odissea. Cambia fornitore, ma anche questo riporta nelle fatture consumi non veritieri, quindi li contesta facendo presente che deve ancora pagare parte del consumo, ma non tutti i metri cubi fatturati. Viene così attivata la conciliazione avanti Acquirente Unico, ma il fornitore non si presenta.

Queste sono solo alcune delle questioni che trattano gli sportelli di Casa del Consumatore e che possono anche riprodursi in tutta Italia.

Episodi simili sono stati oggetto di specifiche segnalazioni delle Associazioni dei Consumatori all’Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato (Antitrust) per pratica commerciale scorretta a danno dei consumatori. A seguito di opportune indagini, anche con il parere dell’Autorità Garante per l’Energia ed il Gas, Acea, Eni, Enel ed Edison sono state multate per complessivi 14.530 milioni e nel modo seguente: Acea 3,6 milioni, Eni 3,6 milioni, Edison 1,725 milioni, Enel Mercato Libero 2.985 e Enel Maggior Tutela 2,620 milioni.

Quali sono le infrazioni accertate dall’Autorità e sanzionate?

L’adozione di pratiche commerciali aggressive, la gestione inadeguata delle istanze di reclamo con le quali i consumatori contestavano la fatturazione di consumi divergenti da quelli effettivi, la difficoltà ad ottenere il rimborso in presenza di pagamenti eccedenti il consumo effettivo, la mancanza di informazione sulla possibilità di rateizzare i conguagli di importo elevato e sui termini di pagamento più lunghi. Intanto le aziende multate hanno già preannunciato che valuteranno l’opportunità di ricorrere nelle competenti sedi per l’impugnazione della sanzione comminata.

Ringraziamo l’ Avv. Tiziana Massetti di Casa del Consumatore, Sportello di Andora (SV), per il contributo fornito alla stesura di questo articolo.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

5 risposte a “Energia elettrica: anomalie in bolletta?

  1. Quando ricevo le telefonate per le utenze rispondo: ” non mi interessa, grazie ” e chiudo la telefonata. E’ l’unico sistema valido per non avere sorprese. Rodolfoz

  2. Siamo veramente stanchi dell’andazzo di tutte le compagnie luce gas del mercato libero sono dei ladri matricolati e le bollette sono difficili da leggere e poter farsi valere.
    la voce in bolletta che più mi fa incavolare è quella relativa alle
    spese di servizio che sommata a imposta e iva diventano pari alla metà del totale da pagare ma è giusto o no?

  3. vorrei sapere come è finito il caso della signora Enza, perché proprio ieri mi ha chiamato il recupero crediti per Edison che pretende il pagamento della differenza dell’iva al 22% anziché al 10 come pare sia stata applicata.
    ma è giusto pagare questa differenza, peraltro mai notificata in alcun modo. quando ho firmato un contratto che Edison ha stilato?

  4. Avendo l’accredito delle bollette dell’Energia Elettrica sul conto alla Posta , come posso fare per bloccare una bolletta C-mor accreditatami dal vecchio fornitore ? ( Non mi è possibile pagare perchè sono troppi soldi ) .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *