La moda che fa bene all’ambiente e alla salute

Tessuti biodegradabili, filati misti, materiali di riciclo, coloranti naturali: chi l’ha detto che sono solo per chi ama lo stile sportivo, casual e informale?
Sono sempre di più, invece, le case di moda e gli stilisti impegnati sul fronte ambientale che propongono abiti, scarpe ed accessori eleganti e di tendenza realizzati con tessuti naturali. Insomma, sta prendendo piede la c.d. moda eco-chic.

L’ecologia applicata al tessile significa:
materiali biodegradabili e, comunque, non tossici, quindi fibre naturali coltivate biologicamente senza pesticidi né concimi (es. cotone organico, lino biologico, lana vergine, seta naturale, canapa, bambù), evitando quelle sintetiche che possono causare dermatiti e allergie;
fibre miste ed innovative (es. il cachemire mischiato con la soia, oppure fibre a base di alghe marine);
tinte vegetali per colorare in maniera naturale i tessuti senza utilizzare sostanze chimiche potenzialmente tossiche anche per la salute (es. pigmenti vegetali);
tecniche di fabbricazione ecologiche (es. risparmio idrico nei lavaggi dei jeans) e rispetto dei diritti dei diritti dei lavoratori che partecipano alle varie fasi della filiera produttiva tessile (es. mercato equo solidale);
materiali riciclati, come le bottiglie di plastica utilizzate per fodere e imbottiture, oppure il sughero e la gomma utilizzati soprattutto per le calzature; sono famose le borse interamente realizzate con materiali di riciclo: vecchie camere d’aria di camion per il rivestimento esterno, t-shirt dismesse per la fodera, cinture di sicurezza per le tracolle;
capi duraturi e resistenti all’uso prolungato e ai numerosi lavaggi, semplici ed adatti a tutte le occasioni per ridurre il continuo ricambio; insomma meglio produrre poco e bene, piuttosto che tanto e male, privilegiando la qualità rispetto alla quantità.
Insomma, dopo il successo del cibo biologico, anche la moda ecologica sta cominciando a diffondersi e ad essere apprezzata da molti. I produttori che realizzano capi nel rispetto dell’ambiente, ne fanno motivo di “vanto”: un marchio di qualità e di prestigio.

ICEA è l’istituto di certificazione etica ed ambientale che assegna ai prodotti di vari settori i relativi marchi di eco-sostenibilità.
Obiettivi dell’istituto e della relativa certificazione ICEA per il settore tessile sono:
promuovere la qualità di prodotti tessili e capi di abbigliamento ottenuti nella salvaguardia dell’ambiente e della tutela della salute e sicurezza sia dei lavoratori che degli utilizzatori finali;
diffondere informazioni trasparenti sulle caratteristiche dei prodotti tessili ecologici;
favorire la scelta di prodotti rispettosi dell’ambiente e dell’uomo, riducendo così i rischi ambientali legati all’utilizzo di prodotti chimici in tutte le fasi della filiera tessile;
realizzare un uso efficiente delle risorse, in particolare dell’acqua, riducendo gli sprechi;
ridurre l’inquinamento, operando anche controlli sulla corretta gestione dei rifiuti solidi e sul trattamento delle acque reflue.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “La moda che fa bene all’ambiente e alla salute

  1. Verissimo!!! A Firenze ho finalmete trovato il negozio che fa per me: moda e fashion biologico. Si trova in Piazza Pitti Ce n’è per tutti i gusti e dimensioni: uomo, donna, bambino con tessuti di mais, bambù, ortica, lino, canapa, cotone e in più vegetarian shoes….Insomma un paradiso per noi bio fashion chic!!! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *