Cookies: da oggi obbligatorio far comparire un’inutile finestra nei siti web

Fateci caso: da oggi moltissimi siti web (compreso questo) vi obbligano a cliccare OK su un breve messaggio che vi informa che il sito usa i cookies, ossia dei sistemi informatici che raccolgono informazioni, più o meno dettagliate, sui visitatori del sito.

Si tratta di un obbligo informativo che da oggi diventa obbligatorio per tutti i siti che utilizzano i cookies, anche solo per analisi dei dati relativi alle visite sul sito.

Se non cliccate OK ( “autorizzo” o simili), potete continuare a visitare il sito, ma la finestra informativa resterà visualizzata (anche se si potrebb farla sparire in automatico).
Se invece cliccate ok, la finestra scompare.
Avete possibilità di accettare oppure no? In pratica non potete fare nulla.
Anzi, a dir la verità, volendo potete andare nelle impostazioni del vostro browser (ad es. Google Chrome oppure Internet Explorer, Safari, Firefox, ecc.) e disattivare (in tutto o in parte) i cookies.
Risultato? Molti siti potrebbero risultare da quel momento non navigabili o non del tutto fruibili.
Insomma, disattivare i cookies è una scelta in pratica sconsigliabile.

Ma allora a cosa serve questa informativa? A nulla, come quasi tutti gli adempimenti privacy, un fardello per le imprese (che rischiano pesanti sanzioni se non rispettano ogni norma in questa materia, assai complessa, peraltro) e una sostanziale perdita di tempo per i consumatori, che devono solo imparare a dire di no tutte le volte che è possibile.

Ecco quindi servita l’ennesima inutile informativa, che ci si riproporrà su tutti i siti in cui andremo, tormentandoci la navigazione serena in rete. Unica consolazione, il fatto che, se ritornate su un sito dove avete già premuto ok non dovrebbero più farvi comparire il messaggio, perché, ironia, grazie ad un cookie avranno memorizzato che avete già accettato la navigazione su quel sito.

Un accorgimento, giusto per capire il senso delle finestre che vi compaiono da oggi: se il sito non raccoglie dati relativi ai vostri gusti e scelte, vi comparirà un’informativa che vi comunica semplicemente che rilevano i vostri accessi per analisi sui flussi di accesso al sito e per migliorarne il funzionamento (ad esempio facendovi accedere ad aree riservate). Se invece l’analisi dei vostri accessi è focalizzata anche a vostre scelte, gusti e abitudini (quelle analisi che vi fanno comparire, ad es., in ogni sito la pubblicità di ciò che in quel momento state cercando in rete), allora vi informeranno che usano i cd. cookies di profilazione.

Un’ultima avvertenza: se cliccate sul link “maggiori informazioni” o simili, vi diranno cosa sono i cookies e vi segnaleranno come disattivarli attraverso le impostazioni del vostro browser.
Insomma, una sbandierata inutile novità. Per mettersi in regola basta far comparire la finestra. Dopo di che si può continuare ad agire esattamente come prima.

Bella conquista!

2 risposte a “Cookies: da oggi obbligatorio far comparire un’inutile finestra nei siti web

  1. Una grandissima rottura di scatole. Come i tanti inutili fogli da firmare per la PRIVACY ogni volta che si va in banca. Ma mi domando: quale vero interesse si cela sotto queste inutili trovate della PRIVACY? Chi e perchè si è inventato una simile inutilissima complicazione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *