Addebito RID / SEPA: a cosa serve e come si revoca

sepa

Il RID (rapporto interbancario diretto) è un servizio con cui un correntista autorizza la propria banca ad accettare sul proprio conto corrente gli addebiti provenienti da un determinato creditore.

A partire dal 1° febbraio 2014, il RID è stato sostituito dal SEPA (Single Euro Payments Area), che ha il vantaggio di estendere la zona di incasso agli stati membri dell’Unione Europea, con l’aggiunta dell’Islanda, della Norvegia, del Liechtenstein, della Svizzera e del Principato di Monaco, per un totale di 33 paesi.

Questa modalità di pagamento è tipica dei casi in cui ci sia bisogno di pagamenti periodici (ma non è escluso che venga utilizzata anche per singole operazioni).
L’ambito più frequente del pagamento attraverso RID è quello delle bollette delle utenze domestiche, ma è ormai frequente anche in altre situazioni come, ad esempio, abbonamenti a palestre o a riviste o pagamento di affitti, rate di mutui e finanziamenti.
La sua diffusione è dovuta alla comodità per il debitore di non dover effettuare ogni volta il pagamento (rischiando magari di dimenticarsene), dal momento che è la banca stessa a prelevare dal conto del debitore e a versare al creditore.

Che fare però se si vuole revocare l’autorizzazione di addebito? Si pensi al caso di contestazioni verso il creditore (ad esempio una bolletta eccessiva o un contratto in discussione) o addirittura al caso di attivazione di un RID non autorizzata dal creditore: se non si riesce a fermare il RID, il pagamento passerà e ci troveremo a discutere a conto già prosciugato…

Vediamo allora come muoversi ed entro quali limiti.

Intanto precisiamo che per attivare un RID è necessaria l’autorizzazione del debitore, ossia la sua firma su un mandato con cui autorizza il creditore all’addebito diretto. Il mandato scade automaticamente se non vi sono addebiti per 36 mesi.

Se subiamo un addebito che contestiamo e vorremmo chiederne il rimborso, cosa dobbiamo fare? Per rispondere si devono individuare due diversi casi:

1) se si è subito un addebito senza aver firmato nessun mandato, si può richiedere (per iscritto) alla banca di essere rimborsati. Attenzione però che c’è un limite temporale: la richiesta va fatta entro 13 mesi dall’addebito;
2) se invece l’addebito era autorizzato con mandato, ma vi sono contestazioni verso il creditore, il debitore (se consumatore, perché per aziende e professionisti valgono regole più restrittive) può chiedere il rimborso dell’operazione autorizzata entro 8 settimane dall’addebito.

Per evitare invece futuri addebiti, chi ha attivato il RID deve rivolgersi alla propria banca e presentare un’apposita richiesta scritta di revoca del RID.

Per creare la richiesta scritta di revoca/rimborso da consegnare alla banca potete utilizzare questo modello.

Se avete problemi nell’ottenere la revoca del RID o il rimborso di addebiti già subiti, potete contattare la Casa del Consumatore.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

26 risposte a “Addebito RID / SEPA: a cosa serve e come si revoca

  1. Buongiorno io poco tempo fa sono andato in banca per bloccare il rid e il Sepa per una polizza vita di Inassitalia che voglio mandare in riduzione cioè che devo bloccare.
    L’addetto della banca dopo avermi bloccato i pagamenti verso questa polizza però mi ha detto che Inassitalia avendo già il mandato Sepa da me precedentemente firmato possono ripresentare e quindi riavviare i pagamenti.
    È possibile? Se si come faccio a revocare ad Inassitalia il mandato?

    • attenzione che se la metti in riduzione vuol dire che riduci quello che hai messo su!
      quindi, perdi parte dei tuoi soldi!!
      versa che è meglio, fidati.

  2. Salve!
    Anche io con problemi a causa del codice SEPA… in pratica non risulta pagata alcuna fattura ENEL dallo scorso Settembre, ma io solo ad inizio mese ne sono venuta a conoscenza. Non trovo assolutamente giusto che per un errore od un disguido tecnico (di cui ero totalmente all’oscuro), io utente rispettoso e regolare debba ora pagare tutto in un’unica soluzione.
    Non esiste un rimborso od una sorta di agevolazione per noi utenti così malamente lesi?

  3. A me è successa la stessa cosa col fornitore di gas. Da un anno e mezzo ho affittato un’abitazione e l’agenzia del gas ha fatto la voltura al nuovo inquilino. Per disguidi loro le fatture continuano ad arrivare a me. Ho bloccato il rid ma loro hanno riattivato i pagamenti. Con chi me la prendo, col fornitore del gas o con la banca?

    • Il Rid e troppo a favore del creditore in caso di problemi .
      Anch’io lo uso perche’ comodo;ma non mi sento molto tranquillo

  4. In data primo luglio 2015 ho revocato il mandato si pagamento sepa sdd ma il 27 luglio e il 3 settembre la banca nonostante il conto era a zero mi ha pagato lo stesso sfornato di 800 euro tutti e due i mesi del pagamento… sono andato in banca e prima mi dicono che era impossibile…poi mi hanno detto che se sul conto non ci sono soldi i pagamenti non vengono effettuati e poi ancora che anche se il conto è a zero il sepa passa in automatico…la banca è Unicredit ma io mi chiedo se non ho un fido e ho la carta timbrato dalla banca con Revoca mandato perché paga ugualmente??? Ho chiesto il rimborso di entrambi i pagamenti e se mi risponderanno di no mi rivolgero al arbitro bancario

  5. In tema di concessione della Sepa, desidero sapere se il debitore ha la facoltà di stabilire il limite massimo della somma prelevabile mensilmente. Un impiegato di Unicredit (al quale è stato posto recentemente il quesito specifico), ha storto il naso ed ha scosso la testa in segno di diniego. Considerato che l’atteggiamento assunto, non mi ha convinto per niente e che nel recente passato ricordo d’aver letto che la Normativa Europea invece prevede la possibilità di ricorrere a questa soluzione, vorrei conoscere la Vs. opinione al proposito, Ringrazio per l’accoglienza e porgo distinti saluti.

  6. Buongiorno,
    io ho il problema che TIM continua ad addebitarmi l’importo abbonamento su carta di cretito, anche se è scaduto già da oltre due anni e continuo a scrivere e mandare fax ma niente. puntuale ogni mese c’è l’addebito. come posso risolvere questa situazione??

    la banca dice che non può fare niente e nemmeno quelli della carta di credito !!!

    sono circa 39 € al mese!!!!
    AIUTO!!!!
    grazie, saluti

    Concetta Giacalone

  7. buon giorno io ho un conto in posta, e desideravo sapere se si puo avere E/O richiedere un dettaglio completo di tutti gli addebiti RID del proprio conto. grazie

  8. Buonasera, io mi sono trovata addebitata una fattura di Vodafone sul conto corrente senza aver mai dato il consenso o aver fornito il mio Iban. Ho sempre pagato in altro modo. Com’è possibile che Vodafone abbia avuto le mie coordinate bancarie senza avergliele fornite ne’ ora ne’ in passato? Tra la’altro di un conto corrente che utilizzo pochissimo.
    Grazie!

  9. Io vorrei bloccare un rid pervuna donazione annuale all’Unicef ma alle poste non han potuto farlo. Avevo firmato parecchi anni fa e in un’altra citta e non mi trovo contratto. Come posso fare?

  10. Sono rientrato da 3 mesi e, in questo periodo, nell’estratto conto mi sono ritrovato degli addebiti in cui c’è scritto solo:
    1) Pagamenti diversi SDD 2016 R xxxxxxxx – scadenza xxxx – IMP. E
    2) l’importo
    3 Causale SIA : 50

    Non riesco a capire ed a trovare altri riferimenti per risalire a cosa corrispondono.
    Come posso fare?

  11. Salve. qualcuno può spiegarmi perché ho ricevuto un bonifico dalla Svizzera di 30 euro e su tale importo mi sono stati addebitati 9 euro di spese per l accredito del bonifico sepa extra..vorrei capire..anche la persona che mi ha fatto il bonifico ha pAgato l importo di 9€ per spese .grazie a chi mi rispondera

  12. Salve. qualcuno può spiegarmi perché ho ricevuto un bonifico dalla Svizzera di 30 euro e su tale importo mi sono stati addebitati 9 euro di spese per l accredito del bonifico sepa extra..vorrei capire..anche la persona che mi ha fatto il bonifico ha pAgato l importo di 9€ per spese .grazie a chi mi rispondera

  13. Salve. qualcuno può spiegarmi perché ho ricevuto un bonifico dalla Svizzera di 30 euro e su tale importo mi sono stati addebitati 9 euro di spese per l accredito del bonifico sepa extra..vorrei capire..anche la persona che mi ha fatto il bonifico ha pAgato l importo di 9€ per spese .grazie a chi mi rispondera

  14. vi chiedo se addebitando su un nuovo conto corrente con RID o Sepa la fattura idrica, vale ancora la delega a pagare con RID o Sepa su un precedente conto corrente su cui venivano pagate la fatture con un altro intestatario?Grazie

  15. A seguito di un subentro finanziario, alla prima rata pagata dal nuovo debitore mi son visto scalare il credito anche sul mio conto, ho provveduto a bloccare il rid bancario in quanto le rate venivano pagate dal cessionario, sta di fatto che l’agenzia di Leasing mi sta creando problemi e non riesco a capire se possano avermi segnalato in crif, in quanto dicono che dovevo aspettare un rimborso e non bloccare il rid bancario, sta di fatto che appena bloccato il rid ho subito comunicato all’agenzia con la massima trasparenza quanto fatto per evitare appunto segnalazioni errate in crif, nel caso in cui avessero inoltrato la richiesta anche se avvertiti tempestivamente e con rata pagata dal cessionario come posso far decadere la segnalazione? Posso chieder un risarcimento danni? Grazie

  16. se restituisco definitivamente la carta di credito alla banca dovrò continuare a pagare le autorizzazioni rid o SEPA fatte in precedenza con wind?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *