Aiazzone: ritardi e lamentele

Sembrano ormai finiti gli “anni d’oro” di Aiazzone, famoso marchio di mobili: alla celebrità dei suoi slogan è subentrata una crisi economica che ha portato all’istanza di fallimento della B & S S.p.A., società proprietaria dell’azienda, rilevata poi, lo scorso agosto, dalla Panmedia S.p.A. di Torino.

Molte sono le segnalazioni e le richieste di aiuto pervenute alla Casa del Consumatore da parte di clienti Aiazzone. Continua a leggere

Quoziente familiare: perché serve

La crisi c’è e si vede. Da alcuni anni ormai il potere d’acquisto delle famiglie italiane è calato vistosamente. Lo si percepisce nella realtà di tutti i giorni. Si ponderano le spese, si evitano acquisti inutili e superflui, si cerca il risparmio in ogni settore e su ogni bene.

L’Istat ha rilevato che nel 2009, su un campione di 23 mila famiglie, la povertà assoluta (ovvero persone che non posseggono denaro nemmeno per acquistare beni di prima necessità) in Italia si aggirava intorno al 4,7%, mentre la povertà relativa (coloro che non hanno la possibilità di godere di standard di vita accettabili), era pari al 10,8%. Continua a leggere

Vacanze in Grecia sì o no?

Notizie contraddittorie arrivano sul fronte delle vacanze in Grecia. Secondo alcuni sarebbero in atto campagne di sconti per attrarre i turisti. Altri temono invece che i greci cerchino di risolvere i loro problemi aumentando i prezzi. Che dire poi di quelli che, temendo la situazione di questi giorni (ancora oggi è previsto uno sciopero generale), hanno annullato o vorrebbero annullare la loro vacanza nella penisola ellenica?

Continua a leggere

Dopo la crisi un consumatore nuovo

La politica, la rappresentanza sociale, gli operatori del mercato, le authority di controllo. Mai come in questi ultimi anni gli interessi del cittadino-consumatore sono stati al centro dell’attenzione pubblica. Un’attenzione che ora vive una fase di riflusso ma che, crediamo, in un futuro prossimo tornerà a essere viva. La stessa crisi finanziaria e produttiva impone una riflessione su questo “nuovo soggetto sociale”. Continua a leggere

Una crisi figlia del debito

Lunedì 20 ottobre 2008, un mese dopo il fallimento di Lehman Brothers. Nel week end appena terminato, tutte le principali banche occidentali hanno dichiarato la bancarotta con un effetto domino. Gli enormi interventi statali messi in campo dagli Stati Uniti e dall’Europa non sono riusciti a rianimare il sistema finanziario e oggi, su entrambe le sponde dell’Atlantico, i cittadini si ritrovano sotto shock con il dollaro e l’euro fuori corso. Le autorità sono al lavoro nel tentativo di tenere viva l’attività economica, che al momento appare colpita a morte. A Washington, la Fed e il governo Bush si apprestano a introdurre una nuova valuta: il new dollar, il cui valore sarà legato a quello dell’oro. Nelle capitali europee, invece, si è deciso di tornare alle valute nazionali. Gli economisti sono concordi nell’affermare che le cause del collasso economico-finanziario sono da ricercare nell’eccesso di debito che ha caratterizzato il sistema negli ultimi decenni.

Continua a leggere

Parte S.O.S. CRISI

Da domani parte S.O.S. CRISI, appuntamento settimanale con l’educazione finanziaria e al consumo in genere attraverso l’intervento qualificato di esperti del settore economico (docenti universitari, membri di associazioni antiusura, rappresentanti del mondo bancario e assicurativo, giornalisti finanziari, esperti del settore energia, ecc.).

Continua a leggere

Decima Sessione programmatica CNCU: la crisi economica e il consumo consapevole

Da domani al via i lavori della Sessione Programmatica del C.N.C.U. – Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti – che quest’anno arriva alla sua decima edizione.

Tema portante della manifestazione sarà la crisi economica e il consumo consapevole, che vedrà a confronto le Associazioni dei Consumatori e le Regioni.
Quest’anno la manifestazione si terrà a Bari, ospitata dalla Regione Puglia, presso il Domina Palace Hotel. Continua a leggere