Ultime novità sulla rottamazione delle cartelle Equitalia

Equitalia

La rottamazione delle cartelle di Equitalia ha fatto sorgere tra i contribuenti parecchie domande, soprattutto quando si sono accorti di avere solo due mesi di tempo per poter aderire, per non parlare del numero abbastanza ridotto di rate in cui potranno pagare il debito.

Vi informiamo che per venire incontro ai contribuenti ci sono delle novità in corso di esame sia per quanto riguarda il termine per presentare il modello, dal 23 gennaio potrà slittare fino al 31 marzo e sia sul numero di rate, da quattro a cinque. Se davvero sarà così, cambierà ben poco per il contribuente, ma noi siamo fiduciosi ed attendiamo.

Vediamo di cosa si tratta.

Tra le novità spicca sia il termine entro cui presentare l’istanza, che potrà essere esteso fino al 31 marzo 2017 e sia quello entro cui Equitalia dovrà dare una risposta al contribuente.

Per quanto riguarda le modalità di pagamento, si potrà chiedere una rateizzazione e si passerà da quattro a cinque rate, di cui le prime tre da saldare entro il 2017 e dovranno corrispondere al 70% del debito, mentre le restanti si pagheranno nel 2018.

La rottamazione sembrerebbe interessare anche le cartelle del 2016, inizialmente escluse, oltre che le multe, ma su questo dobbiamo attendere maggiori chiarimenti.

Attenzione, c’è anche un aspetto molto importante che non deve essere sottovalutato, chi chiede la rottamazione e poi non riesce a pagare, anche solo una rata, perde il beneficio acquisito.

Inoltre, bisogna sapere che anche chi ha già una rateizzazione in corso, può chiedere la rottamazione delle cartelle, ma dovrà essere in regola con i pagamenti delle rate fino al 31 dicembre 2016.

Per avere ulteriori informazioni e rimanere aggiornati su tutto quello che riguarda la rottamazione delle cartelle di Equitalia, continuate a seguire il Blog.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

11 risposte a “Ultime novità sulla rottamazione delle cartelle Equitalia

  1. Solo una riflessione , ma questo condono è solo x chi è ricco.
    Io mi domando: chi a una fase debitoria diciamo di € 40.000
    come fa in 4o5 rate a pagare ? con uno stipendio se ce lo ha di 1.000 € al mese ed ha pure famiglia?

  2. Secondo il mio parere sara’ un bleff perche’ la maggior parte dei debitori non puo’ pagare in 4 o 5 rate dove si prenderanno i soldi…………

  3. Ho due cartelle con rateazioni regolari fino il 30 aprile 2016, poi non ce l’ho più fatta a pagare. Come verrà considerato il mio debito con la rottamazione cartelle? Rientro in un piano rateale agevolato come per i debiti 2017? Grazie per l’informazione

  4. In caso di adesione alla rottamazione cartelle :
    Si può sapere prima l’eventuale somma da pagare e le rate ?
    La rinuncia alle cause in corso con l’agenzia delle entrate è reciproca ?
    I ricorsi chiusi con sentenza nei vari gradi saranno rispettati in caso di adesione ?
    Si può scegliere cosa rottamare non solo nell’ambito di cartelle diverse ma anche all’interno delle partite iscritte nella medesima cartella ?
    In caso di adesione parziale dove posso trovare il numero di ruolo, “identificativo carico”, o di singola partita iscritta nella medesima cartella, da inserire nel modulo di adesione, se non trovo più la cartella originale, sul sito Equitalia ?
    Qualcuno può rispondermi.
    Grazie

  5. una multa per violazione codice strada non pagata è stata portata dal giudice ;prima udienza giorno29/11/2016;società di riscossione:soget. spa.
    prima della udienza posso chiedere modulo per rottamazione?
    GRAZIE.rispondi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *