Trasporto ferroviario: in vigore il decreto su diritti e obblighi dei passeggeri

autorita

E’ entrato in vigore il decreto che sancisce i diritti dei passeggeri e gli obblighi di Trenitalia e degli altri operatori del trasporto ferroviario nazionale e locale.
Un passo di civiltà che, speriamo, contribuirà finalmente al rispetto di standard europei nel trasporto su rotaia, non solo di alta velocità, ma anche quello regionale e locale, fruito quotidianamente da milioni di pendolari.
Il decreto si prefigge l’obiettivo di “garantire uniformi livelli di tutela su tutto il territorio nazionale dei diritti dei passeggeri del  trasporto ferroviario, indipendentemente dalla tipologia e dall’ambito territoriale in cui è effettuato“.

I passeggeri, in caso di mancato rispetto degli standard qualitativi e dei loro diritti, potranno  fare  reclamo al gestore del servizio; in caso di mancata o insoddisfacente risposta, si potrà presentare un reclamo all’Authority che, in caso di accertamento di violazioni, potrà applicare sanzioni da 150 a 20 mila euro.

Potrnno essere segnalati all’Autorità casi di omessa informazione su ritardi, soppressioni dei treni, violazione dell’obbligo di trasporto di biciclette, inefficienze nella vendita dei biglietti, inosservanza degli obblighi nel risarcimento dei danni a passeggeri e bagagli, scarsa assistenza ai passeggeri (in particolare ai disabili).

Sono invece purtroppo escluse le segnalazioni per ritardi e sporcizia, un punto dolente della nostra rete di servizi ferroviari.

Per la responsabilità per perdita o danneggiamento di bagagli, sono previste sanzioni da 50 mila a 150 mila euro in caso di inosservanza dell’obbligo di copertura assicurativa . Per ritardi, coincidenze perse e soppressioni, il decreto stabilisce che il vettore deve dare  ai passeggeri le informazioni sulle modalità di indennizzo e risarcimento per ritardi, perdite di coincidenze o soppressione dei treni: se questi obblighi non vengono rispettati, per ogni singolo caso l’impresa ferroviaria sarà soggetta al pagamento di una sanzione da 2 a 10 mila euro. Sono previste inoltre sanzioni da 2 a 10 mila euro per ogni caso di mancata assistenza ai viaggiatori in caso di ritardo o interruzione del viaggio e di mancato rispetto dell’obbligo di fornire servizi di trasporto alternativo.

Per ora mancano, come al solito in Italia, i decreti attuativi, ma la strada è ormai segnata!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

4 risposte a “Trasporto ferroviario: in vigore il decreto su diritti e obblighi dei passeggeri

  1. Pingback: Trasporto ferroviario: in vigore il decreto su diritti e obblighi dei passeggeri | Rassegna stampa di diritto, fisco e economia

  2. Ahahahah… mamma mia che comica!!!!
    1 – In Italia per un decreto attuativo passano secoli!!
    2 – Non credo che cambierà qualcosa neppure se dovessi vederlo con i miei occhi. Chi le fa le leggi? Come viaggia chi fa le leggi? I servizi di trasporto pubblico ed i loro manager sono gestiti da politici…quindi la strafottenza, falsità e menefreghismo, oltre alla consueta incompetenza, la faranno comunque e sempre da padroni. Per i ritardi e la sporcizia, guarda caso, nulla viene considerato…e noi saremmo un paese civile?
    3 – inutile non prevedere nuovi ed immediati aumenti in virtù ovviamente di quanto scritto ma non fatto.
    Sfido chiunque a rileggere quanto scritto con cadenza annuale e tra 5 o 10 anni sarò (e forse saremo) tutti ancora ella stessa opinione.
    Che vergogna…che schifo!!

  3. Pingback: Trasporto ferroviario: in vigore il decreto su diritti e obblighi dei passeggeri | Paoblog

  4. in un paese come il ns, si discute per settimane dello stipendio o riduzione di un Ad di un’azienda delle dimensioni e visibilità come le Ferrovie, e se è giusto ridurlo o no. Ma, non vi sembra che egli, per quanto pagato, sia in grado di stabilire una carta dei diritti e doveri dell’utente senza aspettarsi un decreto attuativo? non cambierà mai nulla !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *