Investimenti in borsa? Attenti al questionario!

Se avete investito i vostri risparmi in titoli, sicuramente la vostra banca vi avrà fatto firmare un questionario sulle vostre conoscenze ed esperienze in campo finanziario, sulla vostra situazione patrimoniale e sugli obiettivi di investimento.
A cosa serve il questionario e a cosa bisogna stare attenti?

Sin dalla sua prima versione, la normativa comunitaria sui servizi di investimento, nota come MiFID, ha imposto agli intermediari di valutare l’adeguatezza e l’appropriatezza dei prodotti o servizi offerti ai clienti. Il questionario deve assolvere proprio la funzione di raccogliere informazioni dal cliente (cd. profilatura) in modo da consentire alla banca o al promotore finanziario di assolvere al test di appropriatezza o di adeguatezza a seconda della tipologia di servizio di investimento che il cliente intende attivare e dei prodotti che intende comprare.

Come si vede si tratta di un documento molto importante, perché in base alle risposte del cliente la banca può o non può compiere determinate operazioni, avuto particolare riguardo alla tipologia e rischio degli investimenti.

Se questo è vero sulla carta, troppo spesso però nella pratica è successo che i clienti siano stati semplicemente invitati a firmare dei questionari già precompilati dalla banca o dal promotore, in base ai prodotti che il cliente già aveva in portafogli.
Come a dire che non sarebbe il portafogli a a doversi adeguare al cliente, ma viceversa.
Nulla di più sbagliato: leggete attentamente il questionario che avete firmato (se lo avete perso potete farvene dare una copia) e sappiate che comunque in ogni momento potete compilarne uno nuovo.

In un periodo come questo di grande pericolosità dei mercati potreste accorgervi di aver dichiarato una vostra forte propensione al rischio, mentre non l’avete mai avuta o oggi l’avete del tutto persa, o il vostro patrimonio è mutato e quindi avete cambiato idea.
Potrebbe però capitarvi che vi contestino che, se cambiate risposte, certi titoli non potrete più conservarli. Niente paura … evidentemente non fanno per voi!!

Per avere informazioni e documentarvi sul quesionario potete visitare il sito pattichiari.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *