Autovelox: la multa si può contestare sulle strade secondarie

Gli autovelox, si sa, sono sistemi di rilevazione della velocità delle auto piuttosto sofisticati, ma non sono del tutto infallibili. Proprio per questo motivo, che siano in postazione fissa o mobile, con funzionamento laser, radar o a fotocellula, la regola generale è quella della contestazione immediata. Ciò significa che sul posto deve essere comunque presente un agente che verifichi la correttezza delle rilevazioni e fermi  l’automobilista trasgressore.

Gli autovelox devono poi essere omologati, correttamente tarati e posizionati, altrimenti la rilevazione è contestabile con ricorso contro la multa. In particolare sulle strade secondarie minori ci possono essere gli estremi per contestare la contravvenzione. Ecco se e quando pagare la multa…

LA CONTESTAZIONE DELL’INFRAZIONE

Solo in casi eccezionali è possibile effettuare la contestazione differita, cioè inviare la multa a casa dell’automobilista che va troppo veloce, senza fermarlo “in flagranza”, sulla base dei dati rilevati e delle foto scattate dall’apparecchio.
Ciò può avvenire quando l’auto è lanciata ad una velocità tale che fermarla per contestare subito l’infrazione significherebbe mettere a rischio la sicurezza dell’automobilista e dell’operatore di pattuglia, nonché la circolazione di tutti gli altri veicoli.
Per questo motivo, rilevazione elettronica della velocità e contestazione differita sono valide nelle autostrade e nelle strade extraurbane principali, in quanto molto trafficate e a velocità piuttosto elevate.

Invece, le strade extraurbane secondarie e quelle urbane di scorrimento dove non è possibile e sicuro il fermo immediato dei veicoli devono essere specificamente individuate dal Prefetto della zona con un apposito decreto. Altrimenti l’unica via è quella della contestazione immediata da parte dell’operatore. Questo è il motivo per cui capita spesso che gli autobox posti sul bordo delle strade urbane o secondarie siano vuoti: in assenza di un operatore che effettui la contestazione immediata, le rilevazioni non potrebbero essere utilizzate per sanzionare gli automobilisti indisciplinati.
Questo è quanto prevede la normativa vigente e quanto è stato più volte ribadito dalla Cassazione (l’ultima sentenza è la n. 23882 del 15 novembre 2011).

I MODELLI CONSENTITI IN ITALIA

Ma gli autovelox esistono in diversi modelli. Come funzionano? Consentono tutti la contestazione immediata? Sono sempre affidabili o possono sbagliare?
Quelli a fotocellula sono i più diffusi: possono essere installati sulle fiancate dell’auto della polizia, negli autobox oppure su treppiedi e cavalletti, a bordo strada o lungo lo spartitraffico centrale. Le immagini vengono teletrasmesse ad una pattuglia posta nelle vicinanze, quindi è possibile e agevole per gli agenti effettuare la contestazione immediata dell’infrazione.
Molto diffusi sono anche i telelaser, fissati su cavalletti o tenuti in mano dagli operatori. La versione base si limitava ad indicare la velocità dell’auto sul display senza però fotografarla, rendendo difficile la prova dell’infrazione. Oggi, invece, i telelaser sono dotati di micro digicam, cioè di una fotocamera digitale con tanto di flash a impulsi che consente di fotografare i veicoli in avvicinamento e in allontanamento, anche di notte, senza abbagliare gli automobilisti. Quando a tale apparecchiatura è abbinata pure una stampante termica portatile, la contestazione immediata è ancora più semplice in quanto è possibile allegare al verbale anche la foto appena scattata.
Ci sono, poi, gli apparecchi radar, poco diffusi perchè molto costosi. Possono essere in evidenza, ad esempio su treppiedi, ma spesso vengono nascosti all’interno di auto-civetta o camuffati da bidoni della spazzatura.
Sulle autostrade, ma anche sulle tangenziali, è molto utilizzato il SICVE, noto anche come Safety Tutor. Si tratta di un sistema composto da almeno due fotocamere, posizionate sui pannelli dei messaggi a distanza di 15/20 km l’uno dall’altro. In base all’ora della prima e della seconda foto, viene calcolata la velocità media del veicolo sul tratto controllato e se risulta superiore a quella massima consentita le foto vengono salvate e si procederà alla contestazione, che in questo caso può essere soltanto differita.

POSIZIONAMENTO E TARATURA

Nonostante gli automobilisti percepiscano (spesso a ragione) l’utilizzo degli autovelox come un modo per fare cassa, in realtà la funzione principale dei controlli a distanza della velocità dovrebbe essere quella di garantire il rispetto dei limiti, quindi la sicurezza stradale, e prevenire incidenti. Per questo motivo tutte le postazioni, sia mobili che fisse, devono essere ben visibili e comunque preventivamente segnalate con insegne luminose e/o cartelli posizionati a non meno di 250 metri di distanza (autostrade e strade extraurbane principali), 150 metri (strade urbane di scorrimento e strade extraurbane secondarie), 80 metri (altre strade) e a non più di 4 km di distanza dal punto di controllo.

Nonostante tutte le apparecchiature debbano essere appositamente approvate e omologate dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, purtroppo non si possono escludere a priori alcuni errori di posizionamento e/o di rilevamento.
Non è raro che la taratura venga fatta in maniera scorretta, se non addirittura omessa, con conseguenti rilevazioni errate che riportano velocità superiori anche del 17% rispetto a quelle effettive.
Verbali ingiusti possono anche derivare dal posizionamento sbagliato dell’apparecchiatura. Ad esempio, quando la strada monitorata è in pendenza, lo strumento dovrebbe essere posizionato parallelamente ad essa. Spesso, invece, capita che venga posto in orizzontale, quindi obliquo rispetto al piano stradale, e rilevi perciò velocità superiori.
Infine, un errore di rilevazione che capita soprattutto con i sistemi a fotocellula e radar si verifica nei casi di passaggio di due veicoli in contemporanea: il primo, più lento, viene ingiustamente multato in quanto “accusato” della velocità del secondo, più veloce, magari in sorpasso, la cui targa viene coperta dal primo.
Si tratta di errori che possono costare cari agli automobilisti, visto che il margine di superamento del limite conta parecchio.
Quando si supera il limite massimo fino a 10 km/h si rischia solo la multa, oltre i 10 km/h anche la decurtazione dei punti dalla patente, oltre 40 km/h anche il ritiro e la sospensione della patente.

Avv. Valeria Gritti
Casa del Consumatore – sede di Genova

Leggi anche: “Autovelox sì, ma non dappertutto” e “Cassazione: autovelox nascosto = automobilista truffato” 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

56 risposte a “Autovelox: la multa si può contestare sulle strade secondarie

  1. Segnalo gli abusi fatti dai comuni di Castronovo di Sicilia e Lercara Friddi, sulla SS 189 AG- PA, dove da un periodo sono stati piazza ti autovelox, sicuramente per fare cassa. Il sospetto nasce perche’ il primo comune dista dalla SS 189 oltre 5 KM, per cui non puo’ dire che non e’ quello di fare pagare una somma ma di prevenire qualsiasi violazione.

  2. io per aver superato di 2 DICO 2 KM. orari e’ giusto che abbia pagato ?
    come sempre silenziosamente …sborsato.
    ma posso fare ricorso se passati alcuni mesi anche se a malavoglia ho pur pagato nei limiti ?

  3. E scandaloso prendere atto che chi paga le multe passa dalla parte del torto e non per via dell’infrazione che il più delle volte è minima (6 km superiore al limite di 60= 70 euro di ammenda – 168,00 euro circa per essere passata – secondo la maledetta macchinetta – col rosso… non sono mai
    passata col rosso in vita mia!!!)

  4. la multa data in maniera scorretta per non dire truffaldina dovrebbe essere considerata alla stregua di qualsiasi reato e quindi perseguita a norma di legge specialmente se commessa da pubblici ufficiali …vigili in prima fila i quali dovrebbero pagare i loro sbagli come e piu di tutti visto che sono pagati con le tasse di quelli che perseguono.se fosse cosi eviteremo di pensare che i primi malfattori sono le istituzioni

  5. vorrei sapere se devo fare ricorso per aver preso un velox fisso e nn essere fermato dalla polizia locale,e poi sono proprio tarati con il limite esposto?

  6. Vorrei sapere come posso fare ricorso ho preso una multa con autovelox col camion che facevo i 99 all ora. Col camion .il limitatore di velocità e tarato a 90 e tale velocità riesco a farla solo in autostrada e non certamente in un paese come carpiano sulla melegnano-binasco Faccio. Un appello. Attenzione su quella strada ……..

  7. Salve mi chiamo Giuseppe nel maggio del 2012 e precisamente il 12/05/2012 a Castel mella prov.di Brescia ho preso una multa per autovelox, ma la polizia locale era nascosta,qui ho fatto il ricorso anche xchè guidava mia moglie,solo che fino ad ora il giudice non ha emesso sentenza perchè la 1^ volta erano assenti i vigli,la 2^volta si sono presentati ed effettivamente i vigli hanno ammesso che erano nascosti,solo che il giudice vuole ancora esaminare del fatto che erano nascosti,vorrei chiedere a voi ma è mai possibile dopo tutto ancora il giudice visto che hanno ammesso che erano occultati ha rinviato la causa? grazie attendo vs.risposta.

  8. ah pe quello che sò c’è anche da dire che : l’art. 142 non prescrive soltanto che le postazioni di controllo siano segnalate, ma anche che siano visibili. Di conseguenza gli autovelox per così dire “imboscati” non sono legittimi e le eventuali multe comminate possono essere oggetto di ricorso. Lo spirito della norma infatti non è quello di far cassa a tutti i costi ma quello di garantire la sicurezza stradale. Quindi la finalità non è reprimere ma prevenire. giusto?

  9. il mio compagno ha preso una multa di 228 euro da una postazione mobile autovelox….secondo voi la potrei contestare?erano visibili ma nn c’era cartello che ne segnalava la presenza

  10. Buon giorno il giorno 8 gennaio alle ore 05.00 della mattina percorro dal lavoro a casa mia la provinciale del Conero e so che vi è un autovelox ,ma quella mattina finito il lavoro ,stanco ,me ne sono scordato ,premetto che sono dieci anni che vi passo ,ma proprio quella mattina ripeto stanco sopra pensiero ,,sono passato e non mi sono reso conto neanche a quanto andassi . vorrei sapere è possibile .se superati i 40 km visto che vi era un limite di 70 si può non far sospendere la patente ? vi è un modo per far si che questo non possa accadere magari pagando anche una seconda multa ,grazie enrico

  11. Buonasera questa sera ho preso un velox fisso in una strada extraurbana secondaria limite 70.ma uscito dal paese non ce un cartello che segnali il velox che poi e posto se non ho visto male dal altra parte della carreggiata .cosa fare devo aspettare il verbale e poi contestarlo??? Grazie in anticipo

  12. Sono ripassato dal autovelox che ho preso ieri sera dopo adria ed e posto dall altra parte della carreggiata a sinistra della strada in una piazzola e spero che si possa contestare??

  13. Buonasera. Scrivo per un consiglio. Ho superato il limite di velocità che era di 90 km/ora di un km/ora: sono stati rilevati 91 km /ora.
    La multa risulta di 69 euro. Possibile che per un solo km/ora non esista un margine?

    Grazie

    • per Mariagrazia: esiste un margine. ti consigliamo di fare ricorso. Se hai bisogno di aiuto chiama la Casa del Consumatore.

  14. Io ho preso una multa in una strada provinciale tramite un velomatic 512D munito di fotocamera FT1D ed era posizionato a 230 mt dal segnale di preavviso.
    E’ regolare o posso fare ricorso?

  15. mi è arrivata una multa fatta sulla provinciale delle colline di Legoli con un multiradar S580; nel verbale c’è scritto solo che “la perfetta funzionalità è stata verificata dal personale di questo comando” ma non si fa cenno al certificato di taratura; ho guardato sul sito della polizia provinciale che pubblica i certificati di taratura di altri multaradar su altre strade ma non di quello…è un motivo sufficiente per fare ricorso?

  16. Proprio stasera ho preso una multa con il telelaser con superamento di 40 km/h (rettilineo dove non passa mai un’anima e c’è il 50 all’ora!) premettendo che so per sicurezza che il cartello di segnalazione c’è… Volevo sapere se era possibile il ricorso visto che i vigili si trovavano ben nascosti dietro il muro di una casa e dall’altra parte della carreggiata (infatti il vigile per fermarmi ha dovuto saltare in mezzo alla strada) grazie mille!!

  17. In data 9.4.1013 per motivi di salute mi sono recato a Potenza. Al ritorno percorro la STARADA STATALE SINNICA 653, al km 67 alla velocità di 96 kmh (dice l’autovelox 105 se). Io non mi sono accorto di nulla nè ho visto agenti sul posto. Non essendo una strada da me frequentata (unica volta percorsa) non posso affermare che vi siano stati segnali per moderare la velocità.
    Quindi, tolta la famosa tolleranza, mi ritrovo a superare il limite di velocità di UN CHILOMETRO!
    Avendo fatto servizio di Polizia Stradale per molti anni ero a conoscenza che la Polizia locale NON HA COMPETENZA sulle strade statali. CHE NE DITE? pOTREI PROPORRE RICORSO AL PREFETTO DEL LUOGO DOVE E STATA COMMESSA L’INFRAZIONE O AL GIUDICE DI PACE DI MIA RESIDENZA?
    Ravvisate voi ulteriori elementi per ricorrere? Grazie

  18. salve… sono stato fotografato da un velomatic posizionato all’interno di un mezzo della polizia locale a bordo strada, e vi chiedo se sia regolare che i vigili stiano seduti in auto. lessi tempo fa, ma non riesco a trovarne traccia in internet, di un ricorso vinto in quanto il giudice ritenne che un qualsiasi minimo spostamento di persone all’interno di un auto potrebbe compromettere il perfetto funzionamento dell’apparacchio autovelox e quindi rendere nulla la rilevazione della velocità…. mi sapete dire se può essere un motivo valido per tentare un ricorso?

  19. salve oggi mi è arrivata una multa presa sulla genova gravellona in direzione sud.. al km 8 che c’è il limite di velocita di 110 km orari.. io ne facevo 126,70 levando il 5% mi è venuto che facevo
    120,40 km orari… cioè da 0 a 10 km orari non si levano i punti e si paga 45 euro e io invece ho superato di 0,40km orari i 10km orari e mi è arrivato da pagare 168 euro e tre punti… secondo voi è possibile pagare di piu solo per nemmeno mezzo kilometro orario in piu? posso fare ricorso?

    • Per Nicola: formalmente hai torto, anche se di poco. Dura lex sed lex! Se vuoi prova un ricorso al Giudice di Pace ma non hai molte possibilità, forse. Ciao!

  20. salve! ho preso una multa con autovelox sulla ss186 agrigento -palermo con macchina polizia municipale nascosta su una rientranza della statale stessa e il macchinario poco visibile . vorrei sapere se si puo’ contestare . grazie

  21. Si può istallare un autovelox mobile dopo appena 14 metri dal segnale che indica : Controllo elettronico della velocità’ E se tra il segnale del limite di velocità (50 km/h), posto a circa 130 m dall’autovelox, ci sono due strade intersecanti, una a dx ed una sx, il segnale dei 50km/h va ripetuto? Trattandosi di una strada di accesso al paese con normale o poco traffico, chi, come e perché autorizza l’istallazione dell’autovelox, se non prima di una verifica della pericolosità e dell’intenso traffico della strada? Grazie per la risposta. Salvy Branca-COMO

  22. salve, ieri sera sulla strada regionale via Adriatico(treviso mare) jesolo verso le 22e30 sono stato beccato dall’autovelox l’ho capito solo dal flash.sono tornato indietro perchè era strano non averli visti, ed aimè ho costatato che si trovavano su una stradina laterale buia ben nascosti dalla vegetazione . pertanto, passando per la seconda volta mi sono reso conto che non riuscivo comunque a vederli visto che erano davvero ben nascosti e solo quando passavi davanti al dispositivo si notava il tre piedi dell’apparecchio. a questo punto non reisco a considerare l’autovelox un deterrente per l’alta velocita’ ma solamente un sistema per far cassa!!! un altro particolare era che nessun dei due vigili della polizia municipale indossava nessun tipo di vestiario catarifrangenti …non è obbligatorio????la sera???quindi tutti invisibili…ma le multe sono vere e tante visto
    vi chiedo cosa posso fare o per lo meno come muovermi per far valere i miei diritti?devo aspettare l’arrivo del verbale o posso gia’ muovermi in qualche modo?sarebbe bello contattare tutti quelli che come me sono cascati in questa “trappola” credetemi saranno tanti.
    grazie

    • per Marco: per fare contestazioni è necessario attendere il verbale. Una volta ricevuta la multa, potrai fare ricorso al Giudice di Pace o al Prefetto. Una cosa da tener presente: la presenza dell’autovelox deve essere segnalata, nel caso di specie lo era? Potrebbe essere un ulteriore motivo di ricorso. Qui trovi i modelli per il ricorso al Giudice di Pace oppre al Prefetto https://www.dirittosemplice.it/modelli-personali/multe-e-tributi

  23. ho ricevuto una multa 4 anni fà per limite di velocità pagando regolarmente 156 euro e adesso dopo tutto questo tempo mi rimandono un avviso di manato pagamento .Solo che adesso non trovo più la ricevuta di pagamento effettuato in posta come posso fare

  24. Salve, venerdì 27 C.m. sono stato multato con tele laser, ad una velocità rilevata di 72km su una strada comunale con limite 50km. La mia domanda è semplice: oltre al cartello posto sotto il nome del paese al confine dello stesso di Rilevamento Elettronico, deve esserci anche un ulteriore indicazione della presenza del controllo mobile?
    Ps. Sul verbale è stato riportato l’indirizzo errato della via dell’infrazione…!!!
    Grazie

  25. è possibile contestare una multa presa per eccesso di velocità secondo l’autovelox 104/c2 (passato con 66 km/h) quando il cronotachigrafo del autocarro indica durante tutto il tragitto di quel giorno in quel tratto di strada non superati i 55 km/h.

  26. Ho ricevuto due multe per eccesso di velocità rilevate da un unico autovelox con postazione fissa. L’infrazione à stata rilevata alla medesima ora di un unico giorno.
    E’ possibile che un unico rilevatore possa effettuare nello stesso tempo due foto e per due velocità diverse?
    Grazie

  27. Ma possibile che tutti vogliono sapere come eveitare di pagare una multa giustamente presa? Si legge di gente che supera il limite del doppio del previsto e tutti a consigliarsi come farla franca.

    Nessuno che abbia da ridire su chi va a 100Km/h dove c`é il limite di 40Km/h Capisco quelli che hanno superato il limite di 2~5Km/h ma quelli che lo superano di 20, 30, 50 Km/h ma cosa volete pagate e abbiate la dignità di stare zitti chissene frega se i vigili erano nascosti, o non c`era il cartello stavete guidando mettendo palesemente a rischio la vostra vita e quella degli altri.

    Saluti

  28. LA FAVOLA CHE LA POLIZIA LOCALE NON ABBIA COMPETENZA SULLE STRADE PROVINCIALI O STATALI, SAREBBE ORA DI SMETTERLA PER UNA CORRETTA INFORMAZIONE SUL CDS > OGNI STRADA APPARTENENTE AL TERRITORIO E’ COMPETENZA GIURISDIZIONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE/LOCALE E TECNICAMENTE PURE L’AUTOSTRADA A PRESCINDERE CIOE’ A CHI SIA STATA POSTA ASSEGNATA AL CONTROLLO PRIORITARIO > CHI SOSTIENE IL CONTRARIO, NON CONOSCE I TERMINI GIURIDICI DELLA QUESTIONE E GENERA PURE PERICOLOSA QUANTO DENIGRANTE DELEGITTIMAZIONE > UN ONORATO SALUTO

  29. INOLTRE LA TARATURA AI SENSI DELLA LEGGE METRICA, NON E’ PREVISTA PER I DISPOSITIVI DI RILEVAMENTO VELOX > CI SONO CIRCOLARI MINISTERIALI E SENTENZE VARIE IN MERITO > E’ SUFFICIENTE CHE L’APPARECCHIO OMOLOGATO E REVISIONATO PERIODICAMENTE > UN ONORATO SALUTO

  30. L’ITALIA E’ PURE UNO DEI POCHI PAESI AL MONDO, DOVE VI SIA L’OBBLIGO RIDICOLO DI SEGNALARE LA POSTAZIONE VELOX, QUANDO I CARTELLI DEL LIMITE VELOCITA’, GIA’ DOVREBBERO IMPORRE IL COMPORTAMENTO STRADALE PRUDENTE > NEGLI ALTRI PAESI, I VELOX VENGONO ACCURATAMENTE NASCOSTI E AD ES. IN SVIZZERA VIOLARE I LIMITI E’ ANCHE MATERIA PENALE > MEDITATE GENTE > UN ONORATO SALUTO

  31. Il problema degli abusi delle amministrazioni pubbliche locali è tutt’altro che secondario.
    L’aumento esponenziale delle installazioni di autovelox nel tempo è proporzionale con la riduzione dei trasferimenti centrali alle amministrazioni locali. Sono probabilmente migliaia i Comuni che sopravvivono finanziariamente solo con le multe agli automobilisti e spesso le amministrazioni locali dispongono la riduzione dei limiti della velocità su strade in cui non sussisterebbe alcuna ragione per la riduzione, ma lo fanno per aumentare le entrate; abbiamo tratti di strade extraurbane e circonvallazioni a due corsie in cui i limite di legge di 110Km/h è ridotto a 90Km/h e poi a 70Km/h, senza alcune ragione apparente. Questo sistema ha lentamente modificato gli obiettivi trasferendo i prelievi da i propri cittadini ai malcapitati che transitano sulle strade di maggiore circolazione site nell’area di competenza del Comune stesso e questo per evidenti motivi di dissenso nel proprio collegio che, con il numero dei malcapitati, diventa troppo esteso.
    Non è infrequente che alcune amministrazioni si contendano il “bottino” per la sovrapposizione di competenza territoriale.
    Siamo oramai nella situazione del medioevo in cui i briganti taglieggiavano i viandanti che passavano nelle loro zone.
    La grande parte delle istallazioni per la rilevazione della velocità non hanno assolutamente nulla a che vedere con la sicurezza stradale, ma solo con la “sicurezza finanziaria” dell’ente che le installa; con la acquiescenza o connivenza delle Prefetture che dovrebbero vigilare proprio per prevenire questi aspetti.
    Lascio al lettore valutare quanto le Prefetture abbiano a cuore la tutela dei diritti dei singoli cittadini.
    Su questo dovrebbe intervenire il legislatore, locale o centrale, che però è in totale conflitto di interesse per avere ridotto drasticamente il sostegno finanziario centrale e che quindi vede in questo gigantesco sopruso un buon sistema per compensare l’incapacità di ridurre la spesa a fronte della riduzione delle entrate.
    Inoltre è da rilevare come questo “banditismo di stato” funzioni bene perché la protesta è inibita dal fatto che i cittadini vengono colpiti singolarmente e per di più si da a questa azione di sopruso una immagine di tutela della sicurezza ed il trasgressore appare come colui che mette a repentaglio la sicurezza degli altri quindi il sopruso sarebbe addirittura meritevole di plauso.
    Infine è da riflettere sul fatto che la sicurezza stradale e la fluidità del traffico che permetterebbe maggiori velocità di transito, richiede investimenti che le amministrazioni locali non fanno o non possono fare perché spendono tutte le risorse in spesa corrente, quindi: meno investimenti – più spesa clientelare – più difficoltà di traffico – più possibilità di multare – più entrate per le amministrazioni locali; in sintesi un ulteriore enorme conflitto di interesse che si aggiunge alle migliaia di conflitti di interesse ed abusi del pubblico amministratore che hanno affossato l’Italia.

  32. X Mauro, l’autovelox posto sul lato opposto al senso di marcia non ti prende mai in quanto e posizionato sul lato in cui transita il veicolo e non dal lato opposto.

  33. Vorrei sapere gentilmente se la polizia locale ha la competenza di emettere verbale (tramite AUTOVELOX) su una strada statale… precisamente la S.S. SINNICA 653 km. 67. Mi descrivono sul verbale che c’è la segnaletica, ma ho percorso piu volte quella strada e non ho mai visto un cartello, solo cartelli di limite di velocità. grazie

  34. oggi mi hanno ritirato la patente xche ho superato il limite di 40 km/h ci potrebbe anche stare!!!! ma come si fa a mettere un limite di velocita di 50km/h in una strada un po in pendenza dove tutti in quel tratto almeno vanno a 70km/h e poi parlando con un viggile mi si dice che effettivamente e troppo basso il limite in quel tratto! posso contestare questa multa?

  35. stamattina su una strada che il limite è di 70 km una pattugli di polizia provinciale ha parcheggiato un furgoncino con auto velox nella parte opposta in cui transitavo io non li ho visti e ho eseguito un sorpasso quando mi sono accorto sono tornato indietro e ho fatto delle foto ho fotografato che il cartello che segnalava era difronte a loro della parte della strada in qui andavo praticamente non si vedeva volevo capire se prendo la multa potrei fare ricorso e se lauto veloz è della parte opposta della strada che si percorre riesce a farmi la foto grazie

  36. multanova posizionato nella careggiata opposta..in macchina su strada inclinata..mi contestano 70 km con limite 50.. ma dicono che ho superato di 15 km il limite …ma i famosi 10 km di abbuono esistono o no.???,posso contestare il verbale ???? … grazie

  37. ho ricevuto a casa un verbale dove mi contestano una violazione del limite di velocità dei 50 all.ora viaggiavo a 56km con tolleranza gia inclusa ma li in via bassanese tra montebelluna e caerano s.marco(tv)tutti i cartelli dei limiti sono di 70 all.ora ben evidenti in ogni tratto anche perchè non è sicuramente ne centro abitato ne altro ma una statale fuori centro io sono stato attento nello stare sotto ben sotto i 70 km ma il velox mi contesta una velocita minima di 50km orari non scritta in nessun cartello e che gli agenti presenti hanno verbalizzato e io mi sono recato dal giudice di pace il quale mi ha detto che da ragione agli accertatori i vigili?!!non capisco che cosa posso fare contro quella che per me mi sembra una ingiustizia..

    • @ Fabrizio: ti consigliamo se vuoi un parere più tecnico con esame della tua documentazione, di rivolgerti agli esperti di dirittosemplice.it

  38. Io ho preso una multa x eccesso di velocità superato su una statale dove il limite era 70kh ed io ero ad 82kh non trovo più il verbale a casa xo ho la lettera di notifica dei punti sia guadagnati e persi, mi sono stati tirati via 6 invece di 3 come posso farmi restituire i 3 punti tolti ingiustamente? Ha preciso non sono neopatentato

  39. Buongiorno, volevo sapere se con telelaser + micro digi cam in AUTOSTRADA (dove comunque è possibile fermare perché posizionato all’ingresso di un’area parcheggio) la polizia ha l’obbligo di fermarti per la contestazione immediata dell’infrazione. Sono certo che ho superato il limite

  40. Ho preso una multa per velocità dalla polizia locale e fin qui non ho nulla da obbiettare . ma la mia osservazione è
    le multe emesse da chi vengono verficate?
    Tra tutte le infrazioni rilevate vi sono sicuramente anche gli stessi tutori dell’ordine oppure parenti ed amici . le contravenzioni vengono notificate? Non ho ancora sentito di tutori che vengano privati di punti sul documento di guida.
    Personalmente ritengo che anche essi debbano essere soggetti alla contravenzione .
    le immagini dei rilievi suppongo siano numerate con numero progressivo quindi registrate e notificate.

  41. Buongiorno.
    A Castelmassa provincia di Rovigo c’è in un tratto di strada il tutor. Ma ho notato che non c’è la segnalazione del tutor c’è solo scritto “controllo elettronico della velocità”.
    Una persona potrebbe anche non pensare di essere sotto il tutor.
    Una cosa così è regolare?

  42. Buongiorno ho preso una multa su strada extraurbana a 2 corsie per essere andato a 100 km orari il problema è che in quella strada esiste il cartello di limite di 80 km/h che credevo ormai non più in uso. Tra l’altro era buio ed erano nascosti dietro una pianta oltre il guard rail su altra strada laterale . posso fare qualcosa perché un conto è superare di 10 km/h e un’altro è di 20km con relativi forse punti non tolti, grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *