Viaggi in nave: doveri e responsabilità del vettore

Il contratto di trasporto su navi e traghetti è disciplinato dal Codice della Navigazione.
Da tale contratto derivano precisi obblighi a carico del vettore.
Eccone alcuni.

Quando la nave non parte…
Se la partenza è impedita da cause non imputabili al vettore, il passeggero ha diritto alla restituzione dell’intero prezzo del biglietto.
Se, invece, la partenza è soppressa dal vettore, il passeggero ha diritto, oltre alla restituzione del prezzo, anche al risarcimento del danno. Se la soppressione è avvenuta per un giustificato motivo, però, l’indennizzo non può superare il doppio del prezzo netto di passaggio.

Quando la nave parte in ritardo…
Durante il periodo di ritardo, il passeggero ha diritto a vitto e alloggio, se compresi nel prezzo, e a richiedere la risoluzione del contratto dopo 12 ore (per i viaggi di durata inferiore alle 24 ore) o dopo 24 ore (per i viaggi di durata superiore).

Quando sono previsti scali e cambi di imbarcazione…
Nei casi di trasporto cumulativo, il contratto è unico, quindi tutti i vettori sono solidalmente responsabili nei confronti del passeggero per l’esecuzione dell’intero viaggio, dal luogo di partenza al luogo di destinazione finale.

Per conoscere tutti i diritti del passeggero con i relativi termini di prescrizione e decadenza, le responsabilità del vettore e le regole sul trasporto in nave di bagagli e animali, scarica gratis l’App del Turista ideata e realizzata dalla Casa del Consumatore: una guida a portata di clic per il turista che vuole essere informato e preparato ad ogni evenienza.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Viaggi in nave: doveri e responsabilità del vettore

  1. Buongiorno, vorrei avere un’informazione piu’ dettagliata,
    Il 27 Agosto, io, mio marito e mia figlia, abbiamo preso il traghetto prenotato a giugno della compagnia TIRRENIA nave BITHIA delle ore 21.30 per un costo totale di 373.01€ con una sola poltrona in prima classe.
    La nave, che non era nemmeno la Bithia, e’ partita alle ore 00.20, con arrivo a Genova alle 12.15 con relativo cambio di rotta causa mare forza 6. (anche se tutte le altre navi di compagnie diverse come Grandi navi veloci, Moby, sono partite dallo stesso porto: Porto Torres, in orario e arrivando comunque a Genova a orario stabilito.
    Insomma, per il viaggio di questa vacanza abbiamo pagato in totale 840.00€, piu’ del doppio dell’anno scorso, e il trasporto di anno con anno e’ sempre peggio, posso avere un risarcimento considerando che sono incinta, e non mi hanno dato nemmeno una cabina, e mia figlia ha 3 anni????
    grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *