Furti d’identità: attenzione alle reti wi-fi

C’è chi preferisce l’e-banking, magari domiciliando sul conto online anche le proprie utenze domestiche e chi, invece, preferisce ricevere estratti conto, bollette e altri documenti contenenti “informazioni finanziarie” in forma cartacea.
In entrambi i casi, però, c’è sempre il rischio di frodi da furto di identità e di dati sensibili.

Il trashing consiste nel ricercare, ad esempio, ricevute di pagamento ed estratti conto bancari nei sacchetti della spazzatura, specie quelli gettati nella raccolta differenziata della carta, e ricostruirli se spezzettati al fine di carpire dati sensibili ed utilizzarli per clonare identità.

Lo sniffing, invece, consiste nell’intercettare i dati, specialmente codici segreti e password, che transitano in una rete telematica. Tale attività, concretizzandosi in una intrusione nella proprietà e nella sfera privata altrui è di per sé illegittima, indipendentemente dallo scopo perseguito. Se poi il pirata informatico utilizza i dati in questo modo carpiti, ad esempio le coordinate di pagamenti eseguiti con carte di credito, per effettuare acquisti all’insaputa del titolare, il reato è ancora più grave.

Dal trattamento illecito di dati (art. 167 Codice della Privacy), alla sostituzione di persona (art. 494 Codice Penale), fino all’accesso abusivo ad un sistema informatico telematico (c.d. violazione di domicilio informatico, art. 615 ter Codice Penale), sono diverse le fattispecie di reato legate al mondo delle identità anche virtuali e punite dalla legge italiana.

Il terreno migliore per i ladri di identità sembra essere quello delle reti wi-fi, la maggior parte delle quali non è adeguatamente protetta, anzi è liberamente accessibile anche da parte di soggetti non autorizzati.
In particolare, la caccia ai dati sensibili sembra essere particolarmente proficua negli internet cafè e negli hotel dove le connessioni internet spesso non sono garantite da sistemi di sicurezza appropriati.
Sono considerate a rischio anche le sale d’attesa degli aeroporti. Pare, infatti, che nei maggiori scali internazionali i truffatori tecnologici riescano a creare false reti wi-fi dove possono sottrarre password, informazioni personali e dati sensibili ai passeggeri che navigano con i loro portatili e palmari, del tutto ignari del rischio che possono correre.

Vi segnaliamo un interessante articolo dedicato al tema delle violazioni e minacce online e pubblicato sul Techblog del Tgcom il 6 maggio scorso.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *