Adsl veloce? Arriva “Nemesys”

Sono tanti i messaggi pubblicitari che promettono connessioni in banda larga veloci e superveloci.
Però, tra il dire e il fare…
A volte capita, insomma, che la velocità reale ed effettiva della propria linea Adsl risulti decisamente inferiore a quella reclamizzata: pagine web che non si aprono, download e upload lenti, disconnessioni improvvise.

Ma quando il servizio acquistato non ha le caratteristiche previste dal contratto il consumatore può esercitare il proprio diritto di recesso, quindi disdire il proprio abbonamento internet.
Come fare, allora, per dimostrare che la linea è meno veloce del dovuto?

L’Autorità Garante delle Comunicazioni sì è occupata del problema ed ha lanciato il progetto “Misura Internet”.
Nei prossimi giorni sarà possibile per gli utenti del web connettersi al sito www.misurainternet.it e scaricare gratuitamente il software “Nemesys”.
Si tratta di un innovativo strumento di controllo che permetterà di monitorare e verificare le reali prestazioni della propria connessione ad internet da postazione fissa.

In questo modo i consumatori potranno esercitare il loro diritto di recesso qualora risulti una velocità inferiore a quella promessa in sede contrattuale (si tratta infatti di un software certificato con valore legale), inoltre potranno valutare ed orientarsi meglio tra le offerte Adsl sul mercato.

Con l’introduzione di questo sistema di monitoraggio l’Agcom spera anche di ottenere una maggiore trasparenza, completezza ed adeguatezza delle condizioni precontrattuali e contrattuali rivolte agli utenti.
Gli operatori dovranno, infatti, indicare non soltanto il valore della velocità massima “teorica” (quello più allettante e quindi più pubblicizzato), ma anche quello della velocità minima di trasmissione dati dalla rete verso l’utente (download), in modo da fornire un quadro più chiaro e realistico delle varie offerte.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

18 risposte a “Adsl veloce? Arriva “Nemesys”

  1. Certo, utile se funzionasse… E’ vero che fa il test, ma quando poi si richiede di confrontare i dati… beh… auguri…

  2. Abbiate pazienza ma è una cosa del tutto ridicola… ci rendiamo conto che tutte le ADSL o quasi hanno 64kbps come banda minima garantita a contratto??? un modem analogico va a 56kbps.. Quando un ADSL va da cani ad ogni modo non raggiungerà mai o quasi il valore di 64kbps.. anche andasse a 65kbps sarebbe più di quanto garantito e quindi che fai? cosa hai da contestare? proprio un bel nulla.. e se la vuoi disdire stai zitto e ti paghi pure la penale.

    La cosa da fare non era certo questo strumento per “attaccarsi” ai contratti.. ma bensì OBBLIGARE i provider a garantire un minimo accettabile di banda, che oggi dovrebbe aggirarsi attorno ai 1000kpbs o poco meno… altro che 64kbps..

  3. Spero solo che questo progetto sia presto acessibile, io ho l’ADSl 7 mega, ma la mia connessione non arriva nemmeno a 1,5. L’unica risposta data dai tecnici della fornitura “La sua linea e OK”.

  4. mi sono collegato oggi : 04/10/2010 ore 12:10 ,ma nulla!! IN COSTRUZIONE, speriamo finisca subito sta “costruzione”
    saluti

  5. concordo con marco per questo ho aperto circa una settimana fà una petizione che obblighi o per lo meno abbassi il prezzo della ADSL ad avere non una banda massima garantita ma una banda minima, questo è il link: [URL]http://www.petizionionline.it/petizione/petizione-per-ladsl/2152[/URL].
    Secondo fonti di gekissimo ci sono nazioni all’avanguardia che offrono un servizio di ADSL che arriva anche a 160Mb, L’italia come al solito è sempre l’ultimo carrovuole migliorare il servizio solo nelle cittadine industriali, e il resto dei consumatori? Possono benissimo aspettare almeno altri 10 oppure 20 anni per essere al livello minimo delle altre nazioni….

  6. quoto in pieno:
    “Abbiate pazienza ma è una cosa del tutto ridicola… ci rendiamo conto che tutte le ADSL o quasi hanno 64kbps come banda minima garantita a contratto??? un modem analogico va a 56kbps.. Quando un ADSL va da cani ad ogni modo non raggiungerà mai o quasi il valore di 64kbps.. anche andasse a 65kbps sarebbe più di quanto garantito e quindi che fai? cosa hai da contestare? proprio un bel nulla…
    La cosa da fare non era certo questo strumento per “attaccarsi” ai contratti.. ma bensì OBBLIGARE i provider a garantire un minimo accettabile di banda, che oggi dovrebbe aggirarsi attorno ai 1000kpbs o poco meno… altro che 64kbps”
    il problema è quello della banda larga. è possibile che un qualsiasi tecnico adsl ne è al corrente e L’Autorità Garante delle Comunicazioni no?? bhò!

  7. se clicco su questo link http://www.misurainternet.it
    mi chiede nome e password di autenticazione
    scusate l’ignoranza … ma se non mi sono iscritta oppure ho dato miei dati di riconoscimento come mi riconosce… non ha senso bhoooo…
    sono d’accordo con Andrea,
    chiediamo tutela ma a essere tutelati sono sono i provider che avendo dalla loro parte un minimo cosi basso possono distribuire la bada a molti più utenti a discapito di noi tutti che continuiamo a pagare un qualcosa che ci viene sempre più diluito, più si aggiungono utenti più la banda scende.. le linee sono obsolete ma tanto per quel poco che devono garantire bastano e avanzano…

  8. Ad oggi il sito misurainternet.it ancora non va. richiede una username ed una password che non ci è dato sapere. grazie AGCOM!!!!

  9. Ad oggi, 23 marzo 2011, non si collega al sito per le misurazioni.
    Qualsiasi ricerca, con google, su Nemesys dà una pagina bianca.
    Forse, sono stati pagati molto bene, per evitare le misure.
    Ufficio con contratto Adsl infostrada 8 mega.
    Quando va bene segna, sul loro speed test 2,7 – 0,40.
    Normalmente, 1,2 – 0,25.
    Noi siamo i polli e loro i ladri.
    ci danno quello che meritiamo…..

  10. Confermo che anora nulla… eppure credevo che l’Agcom fosse seria…comunque servirebbero sanzioni più dure per le compagnie telefoniche che promettono servizi che poi non sono in grado di offrire solo per vendere un paio di abbonamenti in più. Quello che manca è la serietà, ma non solo in questo settore.
    Stefab

  11. mi pareva un po lenta la mia adsl a 7Mb ho chiamato la tiscali e per loro tutto era apposto, su internet ci sono dei programmi per verificare la reale velocità, tutti calcolavano da 1,3 a 2Mb.
    meno male ci pensa agcom… ha creato un programma in collaborazione con i fornitori del servizio di adsl e indovinate… il unico programma certificato per la velocità adsl nemesys non funziona!
    ci saranno interessi nascosti o come sempre un complotto da parte dei consumatori italiani per far fallire ste povere compagnie?

  12. Il problema più grave, pur avendo fastweb a 20mb con traffico effettivo a 1,4mb, è che tutte le linee le centraline e i cablaggi sono vecchi 1000 anni quindi anche avere il diritto di recesso significa non avere adsl, inutile cambiare operatore la linea che arriva a casa tua è sempre la stessa. Maledetti tutti.

  13. Finalmente la mia adsl funziona come dico io , era da tanto che mi lamentavo per la lentezza
    poi un giorno cercando su un forum o letto un articolo che si parlava di modificare la linea
    tramite telnet bhe stando al limite della distanza dalla mia centrale 5km o recuperato altri 3Mbit
    cosa che la telecom diceva impossibile , e una presa in giro la loro perche’ non hanno voglia di ottimizzarti il tuo profilo esempio una 7mbit a circa 10 profili da poter sostituire per ottimizzare la linea
    ma per loro va bene cosi’ meglio non si puo’ fare …….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *